• Ott
    01
    2008

Album

Sub Pop

Add to Flipboard Magazine.

Uno di quei gruppi nati da un collettivo e da un’idea unificante, che li mantiene compatti a lungo: questa la forza dietro al sestetto di Portland, Oregon. La band ruota infatti attorno al leader e songwriter Eric Earley (chitarra e voce) e all’idea condivisa di gruppo comunitario, un hippismo di ritorno non infrequente nell’America più rurale. Questo per dire che partiti da un comune amore per blues, country e psichedelica sixties e seventies, i Blitzen Trapper l’hanno coerentemente portato avanti di album in album, facendo un salto di qualità con il penultimo, Wild Mountain Nation (2007) e con il passaggio alla Sub Pop.

Laddove nel precedente l’idea unificante era una miscela di country/pop/psych unito a jam acide con una forte idea melodica, ora il discorso si sposta di più  in favore della forma canzone. Ci sono dosi massive di Bob Dylan / The Band questa volta (l’opener Sleepytime in the Western World) e un maggior spostamento verso la parte più melodico beatlesiana/byrdsiana, piuttosto che verso la dissoluzione degli schemi, che sembrava la strada che sarebbe potuta seguire a Wild Mountain Nation. Invece i Nostri si lasciano trasportare da un songwriting più regolare, ballad comprese, che prende dal pop rock USA  e UK, come se Dylan andasse a braccetto con Donovan e Neil Young (Not Your Lover), riaggiornati all’oggi dei Flaming Lips e Mercury Rev più pop-psych.

Non mancano i momenti di deragliamento e jam (l’acida Love U) ma sono contenuti e incanalati in un percorso meno accidentato. Inutile aggiungere che ci erano piaciuti più i precedenti Blitzen e che un eventuale scivolamento verso un comodo status quo non farebbe di certo loro bene. Una buona capacità di scrittura e una visionarietà in sede di lyrics necessiterebbero quindi di abbandonarsi maggiormente alla vena anarcoide che da sempre caratterizza il gruppo. Per intanto, una conferma.

30 Ottobre 2008
Leggi tutto
Precedente
Narradiohead – Storie e visioni rock Narradiohead – Storie e visioni rock
Successivo
Desert Clouds – Dharma Bums Desert Clouds – Dharma Bums

Altre notizie suggerite