• Apr
    01
    2009

Album

Columbia Records

Add to Flipboard Magazine.

Il “problema” con Dylan resta il solito da che saltò giù dal baraccone per tramite di quel famoso incidente in motocicletta eccetera: ti aspetti un capolavoro a ogni decennio perché così sei stato abituato. Per Blood On The Tracks hai mandato giù un Selfportrait; dietro la copia di Oh Mercy giaceva nascosto Saved; la forza di Time Out Of Mind spegneva i recenti passi incerti o pleonastici. Per arrivare ai giorni nostri ed escludendo l’intenso e pregevole scavo cui Zimmie ha sottoposto i propri archivi, eravamo pronti e per quanto possibile fiduciosi. Lo rimarremo, giacché il suo album numero quarantasei sbaraglia sì i coevi rivali, ma per un misto – ineguale: prevale la seconda componente – di mediocrità dei contendenti ed effettivo valore. Inoltre, ed è l’altro aspetto della questione, da chi veleggia verso la settantina davvero non sapremmo dire fino a che punto sia lecito confidare, soprattutto esigere.

Nondimeno, Together Through Life si racconta disco classicamente dylaniano nell’accezione positiva, enigmatico e sornione come si conviene; una ben orchestrata sciarada collocato sotto il naso dell’ascoltatore, il quale crede d’esser lui a giudicare e non viceversa. Perché se questo è un disco d’amore (Obama non rientra nel disegno epico di I Feel A Change Comin’ On), che ci fa Robert Hunter a coscrivere liriche qui sardoniche e là elementari da istillare il dubbio della metafora infinita e/o della presa in giro? Perché se è nato tutto da un solo brano – Life Is Hard bella interpretazione da inquietante crooner – destinato a una pellicola del francese Oliver Dahan, cos’è questa unitarietà intessuta di tex-mex, felpate dodici battute e fisarmonica del “lobo” David Hidalgo sugli scudi? Perché se la sensazionale Beyond Here Lies Nothin’ è Black Magic Woman rifatta dal Tom Waits di Rain Dogs e Forgetful Heart padroneggia cupo folk bluesato, un paio di episodi suonano teneri esercizi di stile? E come la mettiamo con If You Ever Go To Houston e i suoi paradossi da senile Blonde On Blonde sudista, o con la romanza latina This Dream Of You, che spinge a ipotizzare sulla bellezza di un disco intero di Sua Maestà con i Calexico?

Insomma: eccoci alle prese con un cruciverba per nulla facilitato e privo di soluzioni. Mai fornite dal ’62, quelle, ed allora che comprendi l’errore di chiedere a costui risposte già nei “favolosi” Sessanta, perché il punto era ed è tuttora porre domande. Oppure scappare dal riflettore nel momento più propizio, a prescindere dalla forza nelle gambe. Del resto, sappiamo bene che il poeta è un fingitore. Farsene una ragione, quello sì che è davvero complicato.

7 Maggio 2009
Leggi tutto
Precedente
Brakes (The) – Touchdown Brakes (The) – Touchdown
Successivo
A Hawk And A Hacksaw – Délivrance A Hawk And A Hacksaw – Délivrance

album

artista

Altre notizie suggerite