Live Report

Add to Flipboard Magazine.

Al nostro arrivo le attenzioni dei Boss Hog sono tutte per delle orride pizze take away. Ne approfittiamo per guardare oltre il decongelato ed eccoci qui: qualche frequentatore abituale, cinquantenni in libera uscita, signorine sciccose, finti nerd all’ultimo stadio e i soliti fan con magliette di rigore, soprattutto dei Blues Explosion. Come dire che i Boss Hog sono una scusa perfetta per riprendere contatto con Mr. Jon Spencer e intanto dare un’occhiatina alla Martinez sua consorte. E ancora. Che il blues e i suoi “derivati” aggregano trasversalmente un pubblico difficilmente etichettabile, tra “chitarrose” teste da Novanta e schegge brizzolate di classic rock e marijuana. Alla fine un buon antidoto ai soliti cool hunters con cui spesso ci si trova a convivere.

Aprono le danze tre giovani impiegate del catasto che rispondono al nome di Micragirls. Finlandesi nel passaporto e pure nello stile, visto l’entusiasmo misurato che filtra dall’aplomb nordico, le nostre rockers virginali si impegnano in un rockabilly misto a surf e garage. Roba grezza, disciplinata, ortodossa, ma ben suonata. Qualche ruvidezza di batteria, tastiera e chitarra elettrica è tutto quello che si può chiedere a queste Rough Bunnies sotto anfetamina. Per un’esibizione che assolve al compito affidatole: preparare il campo ai Boss Hog e “branzinare” a dovere il pubblico.

Ce n’era bisogno? Diciamo di no. Anche perché con gli headliner sul palco è praticamente impossibile restare nelle prime file senza soffrire. Temperatura altissima e presenze numerose rendono roventi i venti minuti in cui riusciamo a resistere prima di defluire inevitabilmente verso l’uscita. Dove ci posizioniamo per il resto del concerto. Nonostante tutto, la band marcia a pieno regime. Spencer è il solito automa impeccabile concentrato sulla chitarra elettrica. La Martinez rimane dignitosa fino a fine concerto, calata nel ruolo con i suoi pantaloni di pelle nera. I tempi delle copertine “naked” e un po’ furbette sono ormai lontani e Cristina ora somiglia più a una madre di famiglia rassicurante e premurosa che a un sex symbol. Ma la sostanza rimane la stessa. Per lei, come per il resto del gruppo. Che per un’ora e venti sferraglia e mena fendenti quasi senza tirare il fiato, grazie anche a una Hollis Queens “metronomica” alla sezione ritmica e a un Mark Boyce devastante alle tastiere.

“Professionalità” è la parola che sovviene alla fine dei giochi. Quasi d’altri tempi, verrebbe da dire.

26 Maggio 2009
Leggi tutto
Precedente
New Christs, The – Gloria New Christs, The – Gloria
Successivo
Egle Sommacal – Tanto Non Arriva Egle Sommacal – Tanto Non Arriva

artista

Altre notizie suggerite