• Ott
    26
    2018

Album

BMG

Add to Flipboard Magazine.

Si parlava già dal 2015 del nuovo disco dei Culture Club, che avrebbe dovuto intitolarsi Tribes. Il progetto ha subìto qualche ritardo a causa di problemi alla voce per Boy George, ma eccoci qui finalmente ad ascoltarlo, quando sono trascorsi una ventina di anni dall’ultimo inedito (Don’t Mind If I Do, del 1999).

Life riprende le coordinate su cui i Culture hanno basato il loro successo: melodie pop e tempi in levare, infarciti di rimandi giamaicani e r’n’b anni ’60, con qualche tastierina post-disco wave. Qualche arrangiamento è in linea con le produzioni contemporanee, vedi l’omaggio dichiarato ai Massive Attack nell’opener God & Love, che ricorda pure gli ultimi Depeche Mode o la spinta delle percussioni compresse in estasi post-disco di Bad Blood, vicina alle prove Ottanta dei Rolling Stones. A parte questi minimi ritocchi al noto maquillage sonoro del gruppo, il lavoro è influenzato principalmente dagli anni Settanta, come lo stesso Boy George ha dichiarato in un’intervista di presentazione: e allora vai con il soul-rocksteady di What Does Sorry Mean?, gli arrangiamenti Motown di Runaway Train e Different  Man, il calipso di Human Zoo o le chitarre funky blaxploitation di Resting Bitch Face. È proprio qui che si viaggia su coordinate più affini al verbo Culture Club e quando la voce di Boy George si abbassa di qualche semitono rispetto a come la ricordavamo, per qualche istante percepiamo ancora la magia sonora della band.

Life è un buon compromesso per fan nostalgici e per chi del gruppo non ha mai sentito parlare. Certo, non troviamo gli inni e le super hit, ma sarebbe stato troppo chiedere di bissare canzoni entrate nel mito per i non più ragazzi. Il nuovo corso dei Culture Club è apprezzabile in quanto le origini sono citate, ma non scimmiottate. L’alone anni ’80 rimane, ma il paesaggio sonoro è più vicino ai Settanta del soul, di maggior appeal per le corde di un Boy George maturo. In più la voglia di suonare e di divertirsi si sente tutta, e forse è questo il segreto per mantenere viva la leggenda e il merito principale di questo onesto e pregevole comeback.

1 Novembre 2018
Leggi tutto
Precedente
Thalia Zedek – Fighting Season; Kristin Hersh – Possible Dust Clouds
Successivo
Robyn – Honey

album

recensione

artista

artista

Altre notizie suggerite