• Ott
    01
    2010

Album

RareNoise

Add to Flipboard Magazine.

Impro su basi sudamericane (Spider), marcette in bilico tra Mingus e Coltrane (U Can't Stop Z Train), fusion in chiave funk all'ombra di Cannonball Adderley (Casketch), pianoforti crepuscolari orfani di un Chet Baker qualunque (Ice Fishing), free analgesico (Michaelsketch), balbettii in stile Monk (Unfiltered).

Sembra il menù di un disco di Improvvisatore Involontario e invece stiamo parlando di una produzione Rare Noise. Ad agitare le acque di una tracklist veloce e easy – anche per chi non mastica abitualmente certe cadenze -, Brian Allen, Jacob Koller e Hernan Hecht, rispettivamente al trombone, alle tastiere e alla batteria. Colti in un non-luogo musicale misurato e pulitissimo, capace di sperimentare nuovi colori e forme – come dimostrano anche le svisate orientaleggianti di Eepy – senza stravolgere i canoni di un jazz riflessivo, riconoscibile e tutto sommato familiare.

6 Ottobre 2010
Leggi tutto
Precedente
Brian Wilson – Reimagines Gershwin Brian Wilson – Reimagines Gershwin
Successivo
Father Murphy – No Room For The Weak Father Murphy – No Room For The Weak

album

artista

Altre notizie suggerite