• gen
    01
    2000

Album

Bar La Muerte

Add to Flipboard Magazine.

Pane, pene, pan è quello che
sembra: una serie di demo, provini, briciole di canzoni (c’è anche
una minimalista Vorrei avere un dio) a sottolineare
la veste rustica del Bugo. Poche sorprese per chi ha già ascoltato
le sue opere maggiori, ma dal momento che una delle caratteristiche
di Cristian Bugatti, correlata alla sua prolificità, è la
capacità (fortuita?) di inserire gemme dove meno ce lo
si aspetterebbe, qualcuno potrà anche restare sorpreso
dal western rock di Fa caldo, fanculo, dalla caciara
a bassissima fedeltà di Mio morbido letto, da
ballate pigre e carezzevoli come Cibernetico e Assorpresa,
dallo spleen domestico di Universo e A chi medita
sulla tazza
, episodi insolitamente cupi.

Le influenze del cantastorie (lo possiamo definire così?)
novarese ci sono tutte, in nuce, ma solo più in là si
svilupperanno concretamente: l’amore per il rock classico
americano, lo sposalizio con il lo-fi, l’infatuazione per
il rap, la fissa per i suoni elettronici (rigorosamente “poveri”).
I testi sono fedeli a quell’epica del quotidiano, dissacrata
e demente, che lo ha reso famoso: “Gastroscopie/di quello
che verrà/fotografie/di cera morbida” da Gioconda,
poi tutto il talkin’blues de Le belle ragazze e
l’esemplare saggezza di Non dovrei scrivere il titolo,
una cantilena sciorinata su unico giro di chitarra. Sono ventiquattro
i pezzi contenuti nel cd, dei quali otto strumentali numerati
(295, 805, 851, e fermiamoci qui)
che lasciano il tempo che trovano, fra giochini elettronici,
nastri al contrario e rumorismi indecenti. Un disco molto acerbo,
ma a tratti davvero spassoso

1 gennaio 2000
Leggi tutto
Precedente
Ginevra Di Marco – Trama Tenue Ginevra Di Marco – Trama Tenue
Successivo
Radiohead – Kid A Radiohead – Kid A

album

Bugo

Pane Pene Pan

artista

Altre notizie suggerite