• Gen
    13
    2014

Album

Altipiani

Add to Flipboard Magazine.

Dopo il discreto sophomore I gatti se ne fanno un cazzo della trippa, Cuori e parole in piccole botti di legno ci ripresenta il cantautore siracusano Carmelo Amenta alle prese con una canzone d’autore in salsa rock-blues, la stessa che aveva caratterizzato gli album precedenti.

Sempre debitore verso il songwriting scuro ed essenziale del conterraneo Cesare Basile, la scrittura di Amenta si avvale ancora di elementi musicali diversi tra loro, come ben dimostrano le prime due tracce del disco, Nero e Estate: la prima sporcata da un rock sferzante e veloce, la seconda arricchita da atmosfere languide ed intime, le stesse che – declinate qua e là in accenti folk e jazz – rendono la matrice blues la vera essenza dell’album. Quest’ultimo, infatti, si inserisce nella lunga fila del panorama cantautoriale italiano, con il pregio, però, di prendere le distanze da un paradigma che dopo la lezione del lirismo battistiano/mogoliano, ha generato fin troppe imitazioni. Quello che infatti resta impresso nell’ascoltatore è la ricerca di una formula che spazi tanto dai maestri di lunga data come il già citato Basile – oltre a De Andrè ed Edoardo Bennato – a spiriti affini come Nick Cave e Tom Waits, portatori di quel germe noir e cavernoso che ispira tutti i brani, rendendoli buoni esempi di un cantautorato ombroso e crepuscolare, polveroso e scarnificato. Il tutto unito a testi che sommano un’irriverenza lucida e beffarda (Due becchini da due soldi, Portate fiori non opere di bene) a storie d’amore e fallimento, cinismo e speranza (Ci troveranno svegli, Una canzone d’amore).

Rispetto al disco precedente, è evidente una maggiore maturità nei testi, con una scrittura sempre personale e sicuramente più a fuoco, in grado di rendere coesi brani accomunati da una grazia sghemba ed agrodolce. Manca forse il mordente che aveva caratterizzato le prove passate, con gli sberleffi ancora pungenti ma ammorbiditi in favore di un mood più intimista, anche se sempre in grado di presentarci un Amenta del tutto a suo agio nei panni di menestrello. 

9 Gennaio 2014
Leggi tutto
Precedente
I Break Horses – Chiaroscuro I Break Horses – Chiaroscuro
Successivo
Africa Express – Africa Express Presents: Maison Des Jeunes Africa Express – Africa Express Presents: Maison Des Jeunes

album

recensione

artista

artista

artista

artista

artista

Altre notizie suggerite