Recensioni

6.8

Cristian Vogel, sulla scena elettronica UK da trent’anni, oggi di stanza a Copenaghen, registra Rebirth of Wonky durante il 2020 e lo pubblica nel 2021 sulla sua Endless Process. Con la recensione di Classics Remastered 1993-1998, Alessandro Pogliani ha riassunto le ispirazioni che tuttora segnano i lavori di Vogel, dalla techno di marca Tresor e Mille Plateaux, etichette che lo ospitano in più occasioni, gli Autechre prima maniera e la musica concreta, fino alle sperimentazioni con i sintetizzatori modulari (queste ultime preferite da Vogel per i suoi live più recenti).

Rebirth of Wonky è una buona raccolta di tracce post-club, ritmi in 4/4 che si nascondono e riaffiorano tra i rumori d’ambiente e i sintetizzatori, quasi a cristallizzare il ricordo di una notte in discoteca, e il richiamo della cassa dritta che si allontana tra la nebbia (When You Can’t Go Clubbing Anymore And Have To Dance With Oaks, What Goes Around Comes Around (2020)). Sul filone 90s, The All Clear ricalca armonie tipiche di μ-Ziq (qui al netto delle batterie drum’n bass di Paradinas e amici – stilemi forse non familiari per Vogel, che preferisce ritmi spezzati più rilassati), con quei ricami sintetici, spesso solo accennati, fatti passare tra filtri ed effetti, che vanno a costruire, per chi scrive, la traccia più bella di questo album.

Infine qualche numero breakbeat, techno solida con glitch e suggestioni ambient, e chiusura con cose un po’ meno ortodosse, come la batteria super-distorta in loop, i graffi di sintetizzatore e l’acid bass di Ice Le Fantôme C’est Moi, e l’ambient techno di New Born Wise.

Voti
Amazon

Ti potrebbe interessare

Le più lette