• ott
    05
    2018

Album

15 Passenger

Add to Flipboard Magazine.

Tra i paladini dell’emo-rock negli anni ’90, i Cursive, a sei anni dal precedente I Am Gemini, tornano con un nuovo album in studio, anticipato dai singoli Life Savings, Under The Rainbow e It’s Gonna Hurt. Oltre che occasione per il rientro in formazione, dopo un decennio, del batterista e fondatore Clint Schnase, Vitriola è l’ottavo capitolo di una parabola che, se si eccettua la breve interruzione tra il 1998 e il 1999, perdura da ventitré anni all’insegna di un genere che da sempre vorrebbe – allo stesso tempo – incitare, compatire ed essere “contro”.

Tim Kasher e soci, però, a questo genere hanno contribuito negli anni dandogli dignità, elevandolo rispetto all’etichetta di “rock da cameretta” che, spesso ingiustamente e solo per la dabbenaggine di qualche sventurato interprete, gli è stata affibbiata. E anche questa volta riescono nel doppio intento di risultare credibili e dare linfa, sia pur senza stravolgerne i canoni, all’immaginario che rappresentano. E ciò, nonostante il peso degli anni si faccia inevitabilmente sentire. Insomma, due o tre colpi da K.O. (la succitata Under The Rainbows, la cupa Remorse, la bellissima Everending, che riporta alla mente le cose migliori dei Van Pelt) sono ancora in grado di assestarli. Ed è già tanto.

14 ottobre 2018
Leggi tutto
Precedente
William Basinski, Lawrence English – Selva Oscura
Successivo
Elvis Costello & The Imposters – Look Now

album

recensione

recensione

recensione

recensione

Cursive

The Difference Between Houses And Homes: Lost Songs And Loose Ends 1995 – 2001

artista

Altre notizie suggerite