Recensioni

6.9

Il verbo foowork si va espandendo in ampiezza allagando a macchia d'olio la base estetica corrente, in modo da farsi trovare pronto non appena diventerà il linguaggio definitivo della prossima produzione elettronica. Dalla crew dei Ghetto Teknitianz di Spinn, Rashad e Traxman arriva l'album di Deejay Earl, degno rappresentante della seconda generazione footwork (quella che parte non dalla ghetto house '90 ma dalle idee di RP Boo) e dello spirito originario che muove dalle dance battles del ghetto. E infatti i suoi pezzi interamente orientati al juke moving ci stan tutti: Chopped Up Stevie e Takeova son proprio la devozione verso la libertà di movimento, che elimina i tempi netti e fa di tutto per creare spazi di ballo, mentre al contrario Dat Battle Sound aumenta l'entropia mirando alla convulsione dance e Let Me Love You ci aggiunge giusto un pizzico di eleganza vocale.

Il lato più esaltante di Audio Fixx però arriva quando Earl si convince di essere producer sul serio e getta il cuore oltre l'ostacolo, spostando il focus dai muscoli alla testa. Ne vengono fuori una Up Up & Away scurissima di apnea thriller in bilico tra Hudson Mohawke e Dizzee Rascal, una traccia di piena 8bit sci-fi come Audio Fixx e, a contorno, la buona apertura di Again Again che si inchina all'emozione di un bel verso femminile. Il Chicago sound è sempre più una pentola d'oro piena zeppa di spunti dal potenziale gigantesco, che aspetta solo l'alchimista con la ricetta finale. Un botto atteso da quindici anni, ma occhio che i tempi son maturi.

<a href="http://ghettoteknitianz.bandcamp.com/album/audio-fixx" _cke_saved_href="http://ghettoteknitianz.bandcamp.com/album/audio-fixx">Audio Fixx by Deejay Earl</a>

Voti
Amazon

Ti potrebbe interessare

Le più lette