Live Report

Add to Flipboard Magazine.

Lou Barlow si posiziona a destra. Ha ormai più di
quarant’anni, ma da qualche fila di distanza, guardando come urla e
come salta per l’intero concerto, gliene potresti dare la metà. Si
adatta divertito al suo ruolo di bassista, facendosi trovare in gran
voce nei brani che lo vedono protagonista. Murph e la sua batteria sono al centro. Un altro ragazzino, dopo la prima canzone è già senza maglietta.

J Mascis,
coi soliti lunghi capelli bianchi resi spettrali dalle luci, sembra il
fantasma del nonno degli altri due. È a sinistra, con un muro di
Marshall a fargli da scenografia, perso nel suono della Fender
Jazzmaster, statico come la statua del suo stesso mausoleo del rumore.
A tratti fa pensare che, se fosse per lui, le canzoni potrebbero
tranquillamente soccombere al feedback, e che prima o poi oserà il suo Metal Machine Music, o, per paragonarlo più propriamente al maestro Neil Young, il suo Arc.
La devozione alla chitarra porta Mascis a trascurare spesso l’uso della
voce. Sta seguendo il suono, chiude gli occhi cercando di domarlo, lo
piega a suo piacimento, decidendo quando tagliare corto –
nell’acclamata cover di Just Like Heaven – sia quando lasciarsi andare, come nella lunga versione di Pick Me Up, uno dei pezzi chiave di Beyond,
l’album della reunion. A furia di inseguire i propri assoli, Mascis
pare perdersi l’attenzione del numeroso pubblico, che aveva conquistato
iniziando con le irresistibili Feel The Pain e Out There.
La riconquista nel trionfale finale, tornando ad assecondare pogatori e
distratti, con l’aiuto dell’energia furiosa di Barlow. Si chiude con
quattro bis, che culminano in una distruttiva e liberatoria Freak Scene.

8 Giugno 2008
Leggi tutto
Precedente
Fuck Buttons at Circolo Degli Artisti, 19 maggio 2008 Fuck Buttons at Circolo Degli Artisti, 19 maggio 2008
Successivo
Martha Wainwright – I Know You’re Married But I’ve Got Feelings Too Martha Wainwright – I Know You’re Married But I’ve Got Feelings Too

Altre notizie suggerite