• Set
    01
    2007

Album

Dead Oceans

Add to Flipboard Magazine.

Che Dave Longstreth, in arte Dirty Projectors, fosse molto più che
un fenomeno passeggero lo avevamo già intuito dai primi passi del
giovanissimo musicista statunitense. Anzi, avevamo anche avuto più di
una conferma che la maturità fosse alle porte, nonostante il piccolo
passo falso dello stucchevole The Getty Address, un album un po’ troppo pretenzioso.

Ma,
si sa, chi non risica non rosica e Dave ha dimostrato negli anni di
avere il coraggio e le capacità di provarle tutte senza il minimo
interesse di compiacere il pubblico. Ed eccolo di nuovo, in perfetta
coerenza con questa linea di pensiero, a cambiare completamente le
carte in tavola, spiazzando chi lo aveva già incasellato nella scomoda
categoria di musicista “colto”. Rise Above è
proprio ciò che nessuno si sarebbe aspettato dopo gli ultimi due
capitoli della sua già dignitosa carriera. Spogliatosi della scrittura
complessa e cameristica di Slaves’ Graves And Ballads e della pomposità corale di The Getty Address,
Longstreth si presenta alla prova (forse) definitiva della sua
maturazione artistica con un sound che, grazie ad un organico
strumentale ridotto all’osso (chitarra in evidenza, basso e batteria,
con coro femminile) strizza l’occhio in maniera del tutto personale e
schizofrenica alla “negritudine”: rythm’n’blues, funky e soul in stile
Motown. Ma, al cospetto di una personalità così estrosa e musicalmente
onnivora, questi riferimenti vanno presi con le molle, tanto sono
amalgamati e metabolizzati (e, di conseguenza, nascosti) attraverso
strutture e stili che ne rappresentano l’esatto contrario. Tra questi,
una certa vena prog, che pervade tutto l’album e conferisce forse il
marchio più peculiarmente distintivo a questa ennesima piccola-grande
svolta; così come le sferzate noise e i passaggi dal sapore post-rock (Depression, Spray Paint),
ai quali è dato il compito di rompere improvvisamente un’atmosfera
generale che si può definire piuttosto pacata (in questo senso spicca
la beffarda tenerezza di Thirsty And Miserable e di Gimme Gimme Gimme),
anche se i toni sono quasi sempre sopra le righe. Fino a giungere alla
sintesi estrema di tutti questi elementi con la bellissima Room 13.

Dirty Projectors mantiene, in ogni caso, i suoi tratti distintivi, come
quella particolare, ondulante e inafferrabile emissione vocale di Dave,
che ricorda, e non poco (come già si è avuto occasione di dire) il
miglior Jeff Buckley. Non manca del tutto la scrittura cameristica, relegata, stavolta, ad alcuni episodi (Police Story), a brevi introduzioni (No More)
e alla ghost track che chiude l’album, ma mai predominante. Ciò che
invece svolge un ruolo assolutamente primario è la chitarra, suonata
con svariate tecniche, che spaziano da arpeggi tipicamente neo-folk a
graffianti andamenti atonali. Dare un giudizio su un disco complesso
come questo presuppone l’accettazione dei limiti di una recensione che,
nel contesto degli spazi a disposizione, della tempistica e
dell’immediatezza che le sono proprie, può soltanto cogliere aspetti
generali di un’opera che aggiunge sempre qualcosa di interessante ad
ogni ascolto e che, a dispetto di una piacevole immediatezza di fondo
racchiude raffinatezze degne di un grande artista. Maturo.

11 Settembre 2007
Leggi tutto
Precedente
Little Dragon – Little Dragon Little Dragon – Little Dragon
Successivo
Sylvain Chaveau – Nuage Sylvain Chaveau – Nuage

album

artista

Altre notizie suggerite