• Ott
    31
    2012

Album

Sounday

Add to Flipboard Magazine.

Dovessimo indicare una peculiarità del progetto di Mattia Zani, faentino classe 1982 con un paio di dischi alle spalle (Lasciami Adest del 2007 e Il buio del 2010), ci affideremmo probabilmente a quell’incoscienza libertina che si coglie tra i solchi e che permette al musicista di rileggere il cantautorato con gli occhi dell’hip-hop amore giovanile. Un approccio al testo assolutamente personale, di difficile collocazione, terza via credibile in rima baciata che interagisce con una visione musicale ampia e senza barriere.

Lucio Battisti che incontra Tormento dei Sottotono in La strada del ritorno o una Trinidad velatamente country, le andature svogliatamente reggae de Il pazzo giù all’angolo o il pianoforte minimale sul power drumming di Ora come allora, gli sviluppi inaspettati e i silenzi di Parlarti piano o il pop di Tutto passa per tornare: nell’universo di Zani ogni cosa è un collage imperfetto e fuori dagli schemi. Un ingranaggio che tuttavia funziona, come se la parola stringesse attorno a sé i vari input centrifugando stili e maniere in un “flow” impermeabile al mondo esterno.

Uomo con cane e il ritorno dalle terre di Nonsodove – riferimento autobiografico all’esperienza californiana di Zani conclusasi nel 2007? – è fondamentalmente la storia fotografica di un viaggio, tra chitarre, trombe, bassi, organi, synth, cori e batterie. Un girovagare folk nell’anima e senza una vera destinazione, con a fianco compagni fedeli sempre pronti a saltare sul primo treno (Nicola Valtancoli, Marco Manzoni e Thomas Festa).

24 Gennaio 2013
Leggi tutto
Precedente
Jim O’Rourke – Old News no. 8 Jim O’Rourke – Old News no. 8
Successivo
New Order – Lost Sirens New Order – Lost Sirens

album

Dulcamara

Uomo con cane e il ritorno dalle terre di Nonsodove

artista

Altre notizie suggerite