• Mar
    01
    2012

Album

Humming Records

Add to Flipboard Magazine.

Per tutti gli orfani dei primi The Killers (il singolo Passions of A Different Kind) e dell’indie più sincero – quello di gruppi obliqui e formidabili come Desaparecidos e Jim Yoshii Pile-Up –, ma anche il disco che avrebbero fatto i Kane con meno pianoforte e più ispirazione. Un esordio fresco, pieno di melodie intense e solari, a dimostrazione di come anche le tendenze più inflazionate siano in grado di rinascere dalle proprie ceneri, se chi ci rimette le mani ha l’intelligenza e la personalità per estrapolare l’oggetto d’arte dal proprio contesto storico-social-culturale.

Comunque, il giovane trio londinese padroneggia chitarre e forma canzone e impila dieci pezzi da bere tutti di un fiato, per poi ripartire con un secondo giro. Indie bello e buono, se vi piace pensarla così, oppure semplicemente pop-rock dopo il punk, con un occhio agli ottanta inglesi, e un piede nella West Coast. A caratterizzarne il suono sono distorsioni lisce e scivolose come ceramica, armonie aperte e una produzione che trova nella spazialità la chiave di volta per fare musica da classifica senza darlo a troppo a vedere (No Point Hanging Around). E poi quella capacità molto british (vedi Maximo Park) di virare atmosfera, passando nel giro di un riff dalla coolness ritmata e un po’ scazzata di una strofa, alla estrema melodiosità dell’inciso che segue.

3 Aprile 2012
Leggi tutto
Precedente
Trentemøller at Alpheus, 30 marzo 2012 Trentemøller at Alpheus, 30 marzo 2012
Successivo
David Schmoeller – Horror Puppet David Schmoeller – Horror Puppet

album

artista

Altre notizie suggerite