• Ott
    13
    2017

Compilation

Ya Basta!

Add to Flipboard Magazine.

I Gotan Project sono stati, almeno agli esordi, probabilmente una delle rappresentazioni migliori, una delle più complete ed insieme forse la più esasperata nel suo ricollegarsi marcatamente, quasi politicamente, alle radici argentine (e, di riflesso, sud-americane), di un suono elettronico che ha vissuto un grandissimo momento di felicità creativa, a cui sono poi seguiti esaltazione ed esposizione mediatica ed infine la cristallizzazione in stereotipo pressoché negativo di musica da sottofondo: tutta la scena legata alle morbidezze sintetiche e ai groove narcotici, lussureggianti e spesso esotici del sound della premiata ditta K&D ha subìto nel corso degli anni una rivalutazione in negativo, o perlomeno una immeritata riduzione del suo valore effettivo (a dimostrazione, basti pensare a come un album straordinario quale l’unico della Peace Orchestra, cioè il solo Peter Kruder, sia oramai totalmente dimenticato) e, di questa cattiva reputazione, hanno purtroppo subìto gli effetti anche i Gotan Project, oltretutto già alle prese con un declino artistico evidente.

A riportare il trio argentino nella giusta prospettiva storica stanno però contribuendo i capitoli della serie di retrospettive Club Secreto, avviata nel 2014 dai tipi dell’inglese YL Recordings e giunta ora al secondo episodio: le due raccolte di remix, editi ed inediti, infatti, permettono di valutare tramite i suoi collegamenti, le sue evoluzioni e la sua eredità in un macro-genere, l’elettronica, che negli ultimi anni ha prepotentemente riscoperto più di un feeling con le musiche del mondo. Questo Club Secreto Vol. 2 appare dunque come il miglior tributo possibile ai Gotan Project: nelle quindici tracce si spazia dall’hip-hop alternativo e intellettuale degli Antipop Contortium al soul-step di SBTRKT, dalla disco psichedelica di Man Recordings (ovvero il dj tedesco Daniel Haaksman) alle più recenti emanazioni della bass-music globale (la cumbia digitale di Fauna e Chanca Via Circuito, il funk carioca di Edu K), ma è soprattutto il materiale originale (specialmente quello del fulminante esordio nel 2000) a mostrare ancora oggi una visionarietà ed una solidità invidiabili.

13 Ottobre 2017
Leggi tutto
Precedente
St Vincent – Masseduction St Vincent – Masseduction
Successivo
Deradoorian – Eternal Recurrence Deradoorian – Eternal Recurrence

album

Gotan Project – Club Secreto Vol. II

recensione

artista

artista

artista

artista

Altre notizie suggerite