• Feb
    10
    2014

Album

No Pain In Pop

Add to Flipboard Magazine.

Halls, all’anagrafe Samuel Howard, in un certo momento, durante il 2012, sembrava poter essere uno dei possibili nomi da classifiche di fine anno. Questo momento è rintracciabile nei giorni che seguirono la release del singolo White Chalk – dopo un promettente Fragile EP -, capace di lasciare i più a bocca aperta dinanzi a un’ottima sintesi epico-malinconica. Ciò nonostante, il pur valido album di debutto Ark passò praticamente inosservato, finendo per tranquillizzare le acque attorno al giovane londinese e relegandolo al solitario dimenticatoio fino al recente e silenzioso annuncio del secondo capitolo intitolato Love To Give, pubblicato nuovamente via No Pain In Pop.

Ark era tetro, claustrofobico e un po’ macchinoso. Immaginatevi un’opera imperfetta creata da un automa invece programmato per realizzare l’opera perfetta. Piuttosto che cercare di perfezionare il meccanismo, Howard ha preferito andare oltre i freddi solchi dell’abbattimento emotivo, trovando linfa vitale in un approccio meno legato all’elettronica (che si muoveva tra il glitch e il post-Blake) e maggiormente free-form, soprattutto sotto l’aspetto strumentale. Certo, ci sono ancora episodi in cui il Nostro si siede al pianoforte e si lascia sopprimere da un mare di echi, sulla scia del precedente capitolo (You Must Learn To Live Again, la titletrack), ma è altrove che il progetto Halls sembra acquistare una nuova – e non necessariamente definitiva – dimensione.

Registrato in un teatro, Love To Give fa leva su una strumentazione di varia estrazione (fiati compresi) che colora paesaggi nordici capaci di rievocare l’artwork del Fragile EP: è il caso di Forelsket (in norvegese significa “innamorato”), in cui troviamo alcune improvvissazioni al sax di derivazione jazz. Altrove, è il lavoro alla batteria che domina la scena, come nei nove minuti conclusivi di Body / Eraser, brano emblema, insieme ad Aria, di un nuovo corso tendente al post-rock di scuola Sigur Rós. La melodia non è stata lasciata del tutto in disparte (Aside, ad esempio, ha una linea piuttosto immediata), ma pare evidente che Sam si sia concentrato – con una maturità tutt’altro che scontata – soprattutto su aspetti di contorno che comunque donano un senso di evoluzione ad un percorso che ha visto aumentare la consapevolezza strutturale a scapito, forse, dell’emozionante senso di urgenza dell’opera prima.

Siamo quindi, nuovamente, di fronte ad un lavoro apprezzabile nella sua natura imperfetta. Quando Sam riuscirà a fondere gli aspetti positivi di Ark e di Love To Give e a scacciare un rischio noia per ora sempre dietro l’angolo, sarà arrivato il momento di inchinarci definitivamente.

14 Febbraio 2014
Leggi tutto
Precedente
Broken Bells – After The Disco Broken Bells – After The Disco
Successivo
Cibo Matto – Hotel Valentine Cibo Matto – Hotel Valentine

album

recensione

artista

artista

artista

artista

artista

Altre notizie suggerite