• Nov
    01
    2006

Album

Very Friendly

Add to Flipboard Magazine.

Dalla New Weird America all’America Mystica, il percorso dei Jackie-O Motherfucker lungo le strade ferrate e le miglia e miglia che separano un concerto da un altro, in una lunga on the road psichedelica. Questo doppio album altro non è che il personale Ummagumma della compagine di Portland. Quattro lunghe composizioni in presa diretta e registrate in ambienti e situazioni diversissimi l’uno dall’altro, cha vanno dalla radio WMFU del New Jersey al cinema Cube di Bristol, passando per l’Instant Chavire di Parigi a non meglio precisati luoghi di Minneapolis.

Anche l’assetto del gruppo cambia a seconda delle tracce, confermando attorno al deus-ex-machina, Tom Greenwood, menti e spiriti affini come Honey Owens (Valet), Alexander Tucker e Samara Lubelski. Quello che resta identico come sempre è il lungo sballo lisergico, il magmatico colare di suoni diluiti verso l’eternità. In questo i Jackie-O sono pressoché ineguagliabili. Va da sé che queste quattro lunghissime tracce (tempo medio: 20 minuti) richiedano molta dedizione e una buona propensione a lasciarsi andare, ma se si è disposti a giocare al loro gioco si viene ampiamente ripagati.

All’interno del booklet viene riportato il poemetto America Mystica di Eugene Jolas, che dà il titolo al disco.

12 Dicembre 2006
Leggi tutto
Precedente
Clint Eastwood – Flags Of Our Fathers Clint Eastwood – Flags Of Our Fathers
Successivo
Sofia Coppola – Marie Antoinette Sofia Coppola – Marie Antoinette

album

artista

Altre notizie suggerite