Recensioni

7

Indie dance friulano per chitarre e drum machine, ok, ma che ci fanno le tastiere lounge e i fiati jazz? E quella confusione Jesus And The Mary Chain nella testa di questa gioventù sonica? L’aceed? Prima che la polizia li tirasse giù, tre ragazzi e due ragazze, avvistati un paio di anni fa sul tetto di un condomino di Pordenone, provavano a farcelo capire con parole loro masticando chewingum indie-pop e sparando con pistole di plastica (Dubrovnik), ballando torbido tra spille firmate Adult e inserti lounge febbricitanti (Me And Henry), pogando sopra un punk molto post che parla la lingua del lower east side e dei Devo (dr#gs).

A completare, il look: non tanto un affare d’abbigliamento all’inglese ma di grafica dai font firmati Vivienne-McLaren e assieme un immaginario street anni ’50 per pinne e dark lady. Non sorprendono brani come You Suck tra pose scazzo-punky e smalti d’antan (persino una tromba desertica!), spirito garagista e asfalto, anzi polvere e mozziconi di sigaretta come si nasa nel riff arcigno di Speedqueen (ma chi è lo speaker all’inizio del brano? Sarà mica John?), e per quella via si fa giù fino in fondo nel bassofondo dei Suicide aggiornato aceeed (Garage) senza esagerare.

Ai Kid Weird piace essere cool e quest’approccio ha esaltato il pubblico che era lì per le Pipettes al Milanofilmfestival lo scorso anno, nonché i ragazzi delle radio indipendenti europee e gli indie kid tedeschi presenti al loro recente tour berlinese. A distanza di quattro anni dal loro primo demo (kwetc demo), dividendosi tra un approccio live e un altro più indie-radio, quest’esordio è dedicato a loro e agli amanti dell’aplomb urbana e del sixties-garage che flirta con l’assolo di tromba jazz, gli strofinacci blues, gli smarties breakbeat, il lounge synth. Pure l’accento italian-thurston moore ci sta, è la variante riconoscibile di linguaggi assimilati, gli elementi del classico disco ultraindie che sembra (è!) nato per diventare un culto.

Non lo sarà ma per un soffio: prendete il taglio The Fall quasi metal di Speedqueen oppure il mix metronomia/chitarra garagista e umori jazz-desert di Attack of kw&tc (la migliore). Roba che quasi i Minutemen. Roba che scotta.

Voti
Amazon

Ti potrebbe interessare

Le più lette