• Mag
    01
    2010

Classic

Light In The Attic Records

Add to Flipboard Magazine.

Un progetto che ha portato via ben cinque anni alla Light In The Attic, casa tra le più valide nel campo delle ristampe. In occasione della cinquantesima uscita ha contattato Kris Kristofferson per compilare una raccolta di suoi demo risalenti alla fine dei ’60 e ai primi ’70, allorquando nell’aria avvertivi il riflusso della controcultura e quest’ultima si frantumava contro la dura realtà. Ne sarebbe scaturita la reazione di un cantautorato introspettivo che per un po’ si imporrà sulla dimensione della band e anche lì sta il senso di questa quindicina di brani che indagano su un autore in bilico tra culto e celebrità.

Del quale, in fondo, definisci imperdibile come “classico di genere” solo l’esordio Kristofferson datato 1970, noto anche come Me And Bobby McGee come la canzone immortalata l’anno seguente da Janis Joplin e ivi contenuta. Resta la cosa migliore di questo ragazzone dalla vita che più americana non potrebbe, studioso di letteratura, pugile e militare di carriera finché qualcuno non si accorse di lui. Tra un disco e l’altro diventerà un attore non disprezzabile, sempre seguendo quel che il cuore gli dettava e ciò basterebbe a ritagliare per lui un cantuccio nel cuore e metterci l’album di cui sopra.

Qui è ai primi passi, volenteroso e piacevolmente incerto se seguire – un repertorio già prezioso di Me And Bobby McGee, Come Sundown, Border Lord Leonard Cohen o Hank Williams, Waylon Jennings o Johnny Cash. Il resto lo spiegano il sontuoso libretto di sessanta pagine, pieno di interviste e testimonianze, e l’apparato iconografico. Studiosi e curiosi avranno pane per i loro denti, tutti gli altri un pugno di canzoni sincere, belle e ancora un poco grezze.

18 Aprile 2010
Leggi tutto
Precedente
Mumford And Sons – Sigh No More Mumford And Sons – Sigh No More
Successivo
Tiziano Zanotti – Psaico Bop Tiziano Zanotti – Psaico Bop

album

artista

Altre notizie suggerite