• Ago
    31
    2018

Album

Posh Isolation

Add to Flipboard Magazine.

Ci sono dischi che crescono con gli ascolti e altri che invece già al primo approccio rivelano la propria bellezza: questo secondo è il caso di All the Same Dream, improbabile e forse anche precedentemente impensabile frutto della collaborazione tra i danesi KYO, il duo attivo su Posh Isolation formato da Hannes Norvide (anche frontman dei Lust For Youth) e Frederik Valentin e l’ancora sconosciuto, ma talentuoso, giovane e promettente vocalist americano Jeuru.

Un’opera breve, che supera appena i trenta minuti, ma capace con la sua intensità di coinvolgere l’ascoltatore e lasciarlo davvero colpito: sono infatti mondi diversi e apparentemente inconciliabili quelli che si scontrano in queste sette tracce, con i due KYO che rappresentano da sempre il lato più sperimentale ed isolazionista dell’etichetta di Copenaghen, oramai da quasi dieci anni un assoluto punto di riferimento per le musiche più distorte ed estreme, alla prese con l’attitudine soul del cantante di New York, un’ingrediente inedito nelle loro trame elettro-acustiche ma che già nell’iniziale To All My Future Lovers, cigolante soul-folk da un futuro distopico (e vertice dell’intero lavoro, insieme alla scarna e commovente titletrack posta in chiusura), risulta pienamente integrato.

Tutto All the Same Dream procede dunque su queste coordinate, scaturite dal confronto tra Nord e Sud del mondo: Take Me Home srotola dub-poetry su tappeti industrial, Candy è una versione più noise dell’ultimo, tenebroso, Gil Scott-Heron, mentre il sound desertico ed etereo di Savourless Strings è una perfetta colonna sonora per l’apocalisse. Ai due pezzi strumentali (Because of You e la breve e stratificata Forever Yours) spetta invece il compito di allentare la tensione, ammorbidire leggermente il lirismo di un disco veramente strepitoso.

31 Agosto 2018
Leggi tutto
Precedente
Eminem – Kamikaze
Successivo
Yorgos Lanthimos – La favorita

album

recensione

recensione

artista

album

recensione

artista

artista

recensione

Altre notizie suggerite