• Mar
    29
    2019

Album

To Lose La Track, Fuzzy Cluster, Casu Marzu

Add to Flipboard Magazine.

In tempi di ascolti “liquidi” può capitare che tra le informazioni di cui scegliamo di fare a meno ci sia la nazionalità di una band, e solo scorrendo i titoli dei brani sulla schermata della piattaforma streaming in uso il dato ci si palesi. Per i LAGS, tuttavia, è un dato mendace, dal momento che sono italiani ma cantano in inglese, e a chi li ascolta per la prima volta solo l’ultimo titolo in scaletta di questa seconda prova, la bonus track Il Podista, potrebbe far sorgere il dubbio: vuoi vedere che sono italiani? Anche perchè è proprio il genere che propongono – l’hardcore/punk – a non andare troppo per la maggiore qui da noi, perlomeno a livelli percepibili in superficie. Ad ogni modo, sono italiani sì – romani per inciso – e la loro prima prova è stata Pilot, data alle stampe quattro anni fa. Con questo secondo lavoro, però, mettono ulteriormente a fuoco il loro stile abrasivo, con brani dall’impatto immediato che richiamano il suono Dischord, il post hardcore a stelle e strisce anni ’90, l’indie-punk di inizio millennio e band come At The Drive-In, Metz, primi Biffy Clyro, ma anche Self Defense Family e – per citare l’Italia – Fine Before You Came. Tacendo ovviamente di tutto il bagaglio pregresso targato Hüsker Dü, Minutemen, Black Flag e compagnia bella.

La produzione appare volutamente grezza e cattura in pieno e in studio l’essenza di un live. L’insieme suona compatto, energico, aggressivo, non risparmia bordate, ma si concede a momenti più pacati/riflessivi e ad altri dove dal marasma emerge comunque la melodia, come dimostra il potente brano d’apertura Knives And Wounds. Ma sono altri due – a nostro avviso – gli episodi più azzeccati: la sincopata e disturbata Magic Bullet, e la roboante Echoes. E a testimonianza di uno sguardo, il loro, rivolto all’estero, il disco esce in Italia per To Lose La Track (insieme a Fuzzy Cluster) e sul mercato britannico per l’etichetta inglese Casu Marzu, che fungerà da apripista alla band per sbarcare anche a quelle latitudini. L’internazionalismo del combo, del resto, è dimostrato anche dal fatto che i quattro hanno già aperto concerti di formazioni quali Beach Slang, Delta Sleep e Screeching Weasel. «We started a war», cantano in What It Takes. Intanto, un’altra battaglia è vinta.

4 Aprile 2019
Leggi tutto
Precedente
Jordan Peele – Noi
Successivo
Nipsey Hussle – Victory Lap

album

LAGS

Lags – Soon

artista

Altre notizie suggerite