• giu
    01
    2005

Album

Morr Music

Add to Flipboard Magazine.

C’è qualcosa che va oltre tutti gli insoddisfacenti termini che usiamo per tentare di descrivere questa musica. Qualcosa di immenso, inesplorato, etereo. Una pulsazione sanguigna e sottocutanea. Una grazia di fondo che permea ogni piccolo e curato particolare di un disegno sensuale e ammaliante. Non so se lo si possa definire. Ma c’è. E lo si ritrova in questo disco dei Lali Puna. Una raccolta di b-side e remix, tanto per riscoprire l’immensa bellezza di fondo che avvolge ogni creatura di questa band tedesca: forse non ha inventato l’indietronica, ma sicuramente le ha donato il più carezzevole e affascinante dei vestiti.

Quelli di Pitchfork sostengono che questo disco potrebbe restituire i veri Lali Puna ai loro estimatori, dopo quel controverso Faking The Books che aveva mischiato le carte della band con quelle dei cugini fraterni Notwist, avvicinando – con la scelta di ricorrere a sonorità più fisiche – i due lati della medaglia. E potrebbe darsi, perché in questo disco il gruppo si riappropria di una dimensione quasi totalmente indietronica, riabbracciando glitch, pulsazioni di calde drum machine e soffici giochi di produzione.

Troviamo così – nella prima metà della collezione, dedicata a collaborazioni e cover – 40 days degli indimenticabili Slowdime, ripulita dalle abrasioni shoegaze e riconsegnata in una dimensione assolutamente seducente, Clear Cut in coppia con Bomb the Bass, decisamente massiccia, e l’accoppiata da applausi formata da Harrison Reverse e The Daily Match, perfettamente sospese tra onirismo pop e gusto soft dance.

Nella seconda parte dedicata ai remix, poi, è quasi stupefacente prestare ascolto a Dntel, che priva della voce (This Is) The Dream Of Evan And Chan in un gioco teutonico ormai collaudatissimo e sempre ultra raffinato, e ancora To Rococo Rot e Alias, rispettivamente in una stranita Grean and bear e in una riuscita Alienation.

Insomma, se c’era bisogno di stabilire – di nuovo – chi, con apparente semplicità, fosse capace di dare al pop una forma moderna, evocativa e calda, traducendo in canzoni dotate di gioia le pulsazioni di una generazione che ha voglia di ballare, beh, quel nome è Lali Puna. Dia loro il bentornato chi affermava di averli persi; si emozioni chi a questa band non chiedeva nient’altro che continuare a fare quelle cose lì. Quelle belle.

1 Giugno 2005
Leggi tutto
Precedente
Stephen Malkmus – Stephen Malkmus Stephen Malkmus – Stephen Malkmus
Successivo
Brian Eno – Another Day on Earth Brian Eno – Another Day on Earth

album

Lali Puna

I Thought I Was Over That: Rare, Remixed, and B-Sides

artista

Altre notizie suggerite