• Ott
    01
    2010

Album

Zeit Interference

Add to Flipboard Magazine.

Difficile tracciare un percorso stilistico ben definito quando si parla dei veronesi Liir Bu Fer. Certo è che il terzetto ama crogiolarsi in una ricercatezza sonora cerebrale almeno quanto il moniker scelto per la ragione sociale. Il che significa, nel caso specifico del loro disco d'esordio 3 Juno, avere a che fare con un ambient filo-kraut che somma spazi aperti costruiti su un'elettronica liquida (Esperanto) a una ricchezza timbrica suggestiva e variegata.

Kalimba, pianoforte, loops, microfoni a contatto, armonica, flauto, ebow, musica concreta, suoni in reverse: questo ed altro nelle corde di Nicola De Bortoli, Andrea Tumicelli e Marco Tuppo. Un campionario di landscapes descrittivi a cui si mescolano voci senza tempo (gli Ovo non sono poi così lontani dall'approccio al cantato di Es) e veri e propri testi in bilico tra sacralità ferrettiana e acutezze à la Stratos (Red Submarine).

Mancano un po' di pragmaticità e coesione, sacrificate sull'altare di un'accuratezza formale prolissa, debordante e forse fin troppo pretenziosa.

7 Dicembre 2010
Leggi tutto
Precedente
Everything Everything – Man Alive Everything Everything – Man Alive
Successivo
Regina Mab – Col sole in fronte Regina Mab – Col sole in fronte

album

artista

Altre notizie suggerite