• Ott
    29
    2013

Album

Wichita Recordings

Add to Flipboard Magazine.

Squadra che vince non si cambia, o quasi. I Los Campesinos! sbandierano una fedeltà invidiabile che va di pari passo con un mantenimento dello status quo artistico che passa da Wichita Recordings e arriva fino al produttore – ormai di famiglia – John Goodmanson. L’unico neo in questo quadretto esemplare di coerenza che si incarna nel quinto disco No Bluesè l’assenza della bassista storica Ellen Campesinos! la quale ha abbandonato sul finire del 2012, concedendosi un’ultima performance immortalata nel forse prematuro disco live A Good Night for a Fist Fight uscito a maggio di quest’anno.

Dal lato prettamente musicale, persistono i toni meno spensierati introdotti con il precedente e convincente Hello Sadness, ma l’attenzione si sposta nuovamente verso quei frizzanti brani indie pop-rock che sul finire del 2007 avevano trasformato i Campesinos! nella più credibile next big thing gallese. Una fiamma, la loro, che si era leggermente affievolita con l’interlocutorio Romance Is Boring ma che ora torna ad ardere nel cuore di tutti i seguaci del credo indie-pop. Certo, il suono ha subito uno smussamento in chiave grandeur ma la voglia di divertire e divertirsi è rimasta quasi intatta.

Il già per certi versi impeccabile – nella sua ricerca alla pop song – Hello Sadness, trova in No Blues un degno erede: chi è in cerca di capolavori può guardare altrove, anche se è difficile skippare brani come For Flotsam e la più patinata Avocato,Baby o non farsi scappare qualche sorriso davanti alla solita dose di ironia (Cemetary Gaits) a cui “i contadini” gallesi ci hanno abituati negli anni. Se l’apice del disco è forse da ricercarsi tra i solchi dell’epopea emozionale ed epica della malinconica Glue Me, abbiamo anche passaggi minori – fortunatamente rari – che suonano un po’ forzati e privi di quella convinzione melodica con la quale i nostri aggrediscono solitamente l’ascolto (As Lucerne/The Low), pur non impedendo al lavoro di mostrarsi incredibilmente diretto nella sua compattezza.

Non saranno mai gli Arcade Fire del Regno Unito, ma i Los Campesinos! sono come un buon vecchio amico che nella frenesia quotidiana si tende a non considerare, ma che poi, una volta ritrovato, ci fa tornare in mente i piacevoli momenti passati insieme e la voglia di viverne altrettanti.

29 Ottobre 2013
Leggi tutto
Precedente
Public Image Ltd. @ Estragon 2013 Public Image Ltd. @ Estragon 2013
Successivo
Ryan Hemsworth – Guilt Trips Ryan Hemsworth – Guilt Trips

album

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

artista

Altre notizie suggerite