Recensioni

6.5

In fin dei conti uno come Mac McCaughan è riuscito a dire proprio tutto, o quasi, sulla propria visione della musica e sull’estetica alla base delle sue produzioni: una band come i Superchunk e una label come Merge Records, punto di riferimento mondiale nel circuito indipendente, sono la prova provata che quello che doveva dire, McCaughan lo ha ampiamente detto. Eppure c’è ancora spazio per un piacevole riepilogo di certo post punk sintetico.

Non-Believers, questo il titolo del suo primo disco solista, è infatti l’occasione giusta per ripassare un filone musicale come quello che parte dal post punk, attraversa il dream pop e arriva al synth rock: e quindi drum machine, tastiere e chitarre sporche per la più chiara delle intenzioni, quella di riproporre una certa estetica new romantic in chiave rigorosamente lo-fi. Il tasso melodico è sempre molto alto, nostalgico, da pieno revival di un’annata che ha visto nascere e affermarsi band come New Order, The Cure, Echo & The Bunnymen; l’opening track Your Hologram sa di ritorno a casa, Lost Again porta dritto ai Pixies e Only Do è una moderna variazione sul tema come la farebbero i Crocodiles.

Bastano le prime tre canzoni dell’album per capire che l’intenzione non è certamente quella di trovare un posto nel mondo (quello, Mac McCaughan, lo ha già trovato), quanto semmai quella di divertirsi a realizzare un piccolo bignami del genere in bilico tra noise pop, new wave e indie rock di derivazione Eighties: come se Non-Believers nascesse più per sé che per un pubblico là fuori. Per questo motivo, a circa metà dell’ascolto si ha la sensazione di sapere già che non ci saranno variazioni di percorso. Qualche deriva college rock appare all’orizzonte con Box Batteries e l’atmosfera new romantic della ballad Real Darkness è notevole, ma il problema di un album come Non-Believers è quello di risultare un po’ monocorde e troppo “di genere”; non basta l’ottima scrittura di un brano come Barely There, perché il sentiero è ben tracciato e non c’è il rischio di deragliare nemmeno per un attimo. Tutti a scuola, allora, per una piacevole ripassata e nulla di più.

Voti
Amazon

Ti potrebbe interessare

Le più lette