• Feb
    01
    2012

Album

Imbalance Computer Music

Add to Flipboard Magazine.

Sono molti i musicisti elettronici che devono qualcosa a Robert Henke, soprattutto dal punto di vista dell’utilizzo di software. Lo sviluppo sul campo e la popolarità ormai pervasiva di Ableton Live è anche merito suo: da almeno dieci anni il music designer si occupa infatti d’ambienti sonori e visivi. La sua fissazione è immergere se stesso e l’ascoltatore nell’esperienza artistica attraverso landscape ricchi di timbriche tattili, accompagnati da elementi ritmici e figure ripetute o magari da una buona dose di isolazionismo dronico. Le sue tournée includono sonorizzazioni surround e sincronia di videoistallazioni e i suoi studi recenti focalizzano l’attenzione su diavolerie soniche quali wave field synthesis e ambisonics.

Dopo il buon Silence, il nuovo album Ghosts (autopubblicato e prodotto sulla sua etichetta) affronta maggiormente la sfida ritmica, applicando osmosi inverse (minimal, house, 2 step, dubstep) alla luce delle consuete lezioni di Maurizio e dell’art techno dei 00s. Il tutto subodorando le recenti produzioni down to earth di Raster Noton e tagliando con sequenze organic-techy dell’ultimo e pregevole Amon Tobin.

Evita di scimmiottare sia il lato più muscolare dei finnici sia quello più stereotipicamente autistico dei mancuniani, Henke, catturando l’attenzione nell’intersezione del sound più industrial delle casate Pan Sonic e Autechre e in generale nei momenti  più diretti (i NIN minimal di Ghosts, le voragini di The Existence Of Time, le pulsazioni tech di Discontinuty, il pulseprogramming con organo di Aligning The Daemon), con optimum negli splendidi innesti junglisti di Lilith e cose meno pregevoli sul lato propriamente fantasmatico, predominante, fondante della tracklist (Phenomenon, Unstable Matter).

Paragonandolo al recente album/sunto Elemental di Demdike Stare, proprio nelle parti che richiedevano maggiore visione e sincretismo, Ghosts risulta, in definitiva, accademico e, a tratti, eccessivamente prolisso nel dettaglio concreto.

8 Marzo 2012
Leggi tutto
Precedente
Pontiak – Echo Ono Pontiak – Echo Ono
Successivo
Heroin In Tahiti – Death Surf Heroin In Tahiti – Death Surf

album

artista

Altre notizie suggerite