Recensioni

5

Combattutti tra due tendenze (anche di abbigliamento) opposte, i Neils Children esordiscono dopo dieci anni con questo full lenght per il quale i più sprovveduti già stanno gridando al miracolo.

Non parliamo di un autentico bidone: I’m Ill, dal cuore indie pop Pete & The Pirates (e indietro Cure, Joy Division), è caruccia, e lo stesso dicasi per la faccia più dura e Horrors compliant della band, Motorcar (i Bauhaus, i PIL) che, a ben vedere, prometterebbe anche qualcosa in più se questa direzione fosse approfondita a dovere. 

Del resto, a due lustri dalla formazione presso l’Harlow College (Essex), non è pensabile che X.Enc. rappresenti qualcosa di diverso dell’armadio impolverato che è. Cose buone, cose fuori fuoco, cose inutili… Ma poi, domandiamocelo francamente: c’è ancora da esaltarsi nello scoprire nuove band che rifanno i miti post-punk come sono anni (anni!) che altri li rifanno (e magari meglio)? Il famoso purismo infine, non aiuta, specie se le tendenze al "tradimento" pop evidenziano confusione e ombre sul futuro.

Con i These New Puritans a fare della coerenza un qualcosa di diverso dall’aritmetica e gli Horrors a guardare allo shoegaze e, in generale, oltre il look, i Neils Children sembrano nati ieri. Alla faccia…

Voti
Amazon

Ti potrebbe interessare

Le più lette