• Mar
    19
    2013

DVD

Cramps

Add to Flipboard Magazine.

Chi non crede nelle reunion crederà almeno nelle eccezioni. Opus Avantra rientra nella seconda categoria. Pur non avendo ufficializzato il proprio scioglimento, all’indomani del loro secondo capolavoro da studio Lord Cromwell Plays Suite for Seven Vices (1975), il gruppo capitanato dal pianista Alfredo Tisocco sembrò accettare una sorta di auto-ibernazione, smentita in realtà dagli episodi Strata (negli anni ’80) e Lyrics (nei ’90). Il ritorno sulle scene immortalato in un concerto del 2008 presso il Club Città di Tokyo parte giusto da quest’ultimo album, elargendo dieci minuti di un raffinato bolero a telecamera fissa puntata sul palco non illuminato.

Bypassata la declamazione in latino del filosofo Giorgio Bisotto – bardato per l’occasione con un costume veneziano ammiccante in realtà alle atmosfere di Kubrick in Eyes Wide Shut – si entra nel vivo dello spettacolo, diviso tra il virtuosismo mai ingombrante di Tisocco e la presenza scenica della soprano Donella Del Monaco.

La scaletta contempla interamente l’esordio del 1974 Introspezione selezionando poi dagli album rimanenti le composizioni ritenute più rappresentative. Immutata è la coesione dei Nostri sul palco, condiviso con una formazione di tutto rispetto soprattutto nella sezione d’archi al femminile The Opus String Ensemble. Meno convincenti le prestazioni vocali della Del Monaco nelle parti pop di canzoni storiche quali Il Pavone e L’altalena; la causa, per buona parte, va attribuita a un’amplificazione e a una qualità audio non all’altezza della complessità esecutiva richiesta dal progetto.

Letto nella sua interezza, il dvd è prova riuscita di uno sforzo creativo lontano da revivalismi e anzi ancora bruciante di un impeto modernista che non lascia tracce eccessive del tempo trascorso. Il silenzio eloquente di Tisocco on stage è comprova di un talento troppo spesso accantonato dalla stampa specializzata in favore di uno ‘spaghetti prog’ decisamente più popolano.

19 Marzo 2013
Leggi tutto
Precedente
Godblesscomputers – Freedom Is O.K.
Successivo
Justin Timberlake – The 20/20 Experience Justin Timberlake – The 20/20 Experience

album

artista

Altre notizie suggerite