• gen
    01
    2012

Album

Foolica

Add to Flipboard Magazine.

Se c’è un merito da concedere al cantautorato italiano 2.0 è sicuramente quello di aver rinvigorito la tendenza ad esprimere delle visioni musicali al singolare stanando a volte talenti che all’interno del “meccanismo band” non sarebbero mai potuti uscire allo scoperto.

E’ il caso di Pietro Paletti, in arte Paletti che oltre ad essere polistrumentista e anima dei già apprezzati The R’s (ex Records) si propone ora come canzoniere in proprio abbracciando la sfida della lingua italiana. Diciamo subito che il pregio di Dominus, EP d’esordio per Foolica records, sembra essere quello di tracciare un ideale ponte tra l’estetica Battistiana della Numero Uno (Graziani, Papallardo ecc) e le suggestioni sonore della nuova “pastorale americana” (Local Natives, Fleet Foxes, Grizzly Bear).

Si parte con il brio di Adriana ed un gusto nell’arrangiare che nel suo essere sopra le righe, delinea la cifra stilistica dell’intero EP, mentre Tricerebrale fa pensare ad una jam tra il miglior Gazzè ed I Flaming Lips presentandosi nei testi come una parata di timida auto indulgenza maschile. Ogni esitazione esistenziale viene interrotta dalla psichedelia verbale e musicale di Geco che con la sua cavalcata spettrale segna il cambio di rotta di Dominus verso l’introspezione. Raccontami di te e Alla mia età sono sicuramente i momenti più intensi del disco, ovvero, le canzoni con la C maiuscola che da subito rapiscono l’ascoltatore: la prima, sognante e nostalgica, mette in pratica la lezione corale americana con le inflessioni del più classico Battisti; la seconda è prototipo di ballata senza tempo con falsetti Fornaciari, svolazzi Cocciante ed un poster della sempreverde e lennoniana Imagine sul fondo.

Il talento di Paletti sta tutto nella disinvoltura con cui queste canzoni ci raccontano chi lui sia e da dove venga pur senza avere una carriera solista pluridecennale alle spalle. Se questo è solo l’esordio, segnamoci fin da subito questo nome perché Dominus potrebbe essere decisamente la punta di un iceberg.

(l’album è liberamente scaricabile in formato digitale da Bandcamp)

19 Febbraio 2012
Leggi tutto
Precedente
Sleigh Bells at Terminal 5, 17 febbraio 2012 Sleigh Bells at Terminal 5, 17 febbraio 2012
Successivo
Magnetic Fields – Love At The Bottom Of The Sea Magnetic Fields – Love At The Bottom Of The Sea

album

artista

Altre notizie suggerite