• set
    24
    2013

Album

Real World

Add to Flipboard Magazine.

Ci sono voluti tre anni per far sì che gli artisti omaggiati da Peter Gabriel in Scratch My Back ricambiassero il favore. Era già tutto nei piani dell’ex Genesis: al suo volume dedicato alle cover, reinterpretate in uno stile sobrio, con arrangiamenti orchestrali tra il sublime e l’ampolloso, tra il moribondo e il solenne, sarebbe dovuto seguire subito il gemello And I’ll Scratch Yours – tant’è che molti brani qui presenti sono già noti ai più, perché diffusi in release speciali per il Record Store Day o su YouTube e SoundCloud. Troppo bello per essere vero: molti rifacimenti in risposta tardavano ad arrivare, e qualcuno ha rinunciato a inviare contributi dopo aver storto il naso (è il caso dei Radiohead, inizialmente previsti in scaletta con Wallflower) ascoltando la bizzarra trasformazione del proprio pezzo. Incassati i “no” anche da David Bowie (Heroes), Neil Young (Philadelphia) e Ray Davies, tutto è rimasto in standby per un bel po’ di tempo.

Dopo aver rivisitato il proprio passato in New Blood, sempre accompagnato dall’orchestra, e dopo aver celebrato con un anno di ritardo le venticinque primavere di So, Gabriel raccoglie ciò che ha ricevuto e pubblica una compilation con dodici cover, con i nove più entusiasti destinatari della sua missiva e tre sorprese dell’ultimo momento – al posto di Bowie c’è Brian Eno, che fa propria Mother Of Violence; c’è Joseph Arthur (sulle cui capacità il Nostro ha creduto sin dall’inizio, e del quale interpretò In The Sun per un album-tributo a Lady Diana) alle prese con una sinistra e rallentata Shock The Monkey che lascia a casa trucco, tastiere e drum machine e che al contempo suona diversissima dall’omaggio dei Coal Chamber e Ozzy Osbourne già in circolazione; c’è Feist che fatica a dare una lettura “altra” di un classico come Don’t Give Up (già rielaborato anni fa da Willie Nelson e Sinéad O’Connor), perfetto così com’è nel già citato So.

La buona notizia è che And I’ll Scratch Yours non suona mai come una serata karaoke tra VIP annoiati: c’è chi grattando lascia segni sulla pelle (Lou Reed stravolge Solsbury Hill come lui solo sa fare, Randy Newman regala una versione insolita, sbilenca e rudimentale di Big Time) e chi si limita a fare un po’ di solletico (Regina Spektor offre un’interpretazione delicata di una Blood Of Eden già delicata di suo, Paul Simon asciuga Biko con una chitarra acustica e appena accennate suggestioni world, quasi in punta di piedi), ma il più delle volte i brani sono scelti dal songbook con criterio e ben si addicono alle personalità della sfilata. Per un David Byrne che delude, c’è una Games Without Frontiers che suona come se fosse stata scritta proprio per gli Arcade Fire, e succede che Bon Iver e gli Elbow si trovino perfettamente a proprio agio nelle rispettose Come Talk To Me e Mercy Street e che Stephin Merritt – colui che tanti anni fa si ritrovò il veterano Gabriel tra il pubblico pagante di un concerto dei Magnetic Fields e che raggiunse una fetta di pubblico nuova grazie all’inclusione di The Book Of Love nella colonna sonora di Shall We Dance – torni all’amata elettronica lo-fi dei suoi esordi in una minimale Not One Of Us.

Sarebbe potuto essere un vero pasticcio e invece And I’ll Scratch Yours alterna riuscite iniezioni di nuova linfa e piccoli momenti di noia. Un progetto imperfetto, concretizzatosi in ritardo, senza dubbio periferico in una carriera che dopo Up si sta purtroppo macchiando con qualche opera interlocutoria di troppo; Peter Gabriel può permettersi di vivere di rendita, ma attendiamo con ansia la zampata che – ne siamo certi – è ancora alla portata di un vecchio leone come lui. Intanto, i fan impazienti hanno qualcosa con cui spezzare l’appetito.

6 ottobre 2013
Leggi tutto
Precedente
Visioni di Cody – Appennino libero Visioni di Cody – Appennino libero
Successivo
Kathryn Williams – Crown Electric Kathryn Williams – Crown Electric

album

artista

artista

artista

artista

recensione

recensione

recensione

artista

Altre notizie suggerite