• Apr
    01
    2009

Album

Warp Records

Add to Flipboard Magazine.

Manco a farlo apposta, parli di brekbit e la Warp ti sputa fuori pure il disco nuovo di Guillermo Scott Herren. Uno che ha scardinato l’hip-hop assieme a dälek, Dabrye, Cannibal Ox e una congrega di altre menti che tempo fa gravitavano su Anticon, ma che oggi riprendono la parola dal pulpito della casa madre con la W maiuscola. Il titolo poi ci riporta all’analogico. Quel tocco à la Re Mida che riscopre il sapore dello sporco e che solo su nastro Ampex può consacrare la sua natura frammentaria. In effetti il nostro uomo sin dagli esordi ci ha proposto la sua personale visione del brekbit, distante dall’ardkore e più vicina allo street hop. Il suo modo di comporre, distaccato dal mainstream e sempre con un tocco di visionarietà poshy, si congiunge oggi di prepotenza a tutto quello che sta succedendo nel mondo dell’electro ‘allargata’. Tanto per fare due nomi: Animal Collective e MGMT.

Che questo scazzo consapevole sia una delle possibili tendenze è ormai confermato da critici e guru. Ma che uno come Prefuse 73 ci consegni un patchwork così fresco e pieno di ‘warpgeist’ a noi sembra stupefacente. La sperimentazione cui ci ha abituato si congiunge con il ritmo street-based e conferisce uno status nuovo a quella che chiamiamo forse impropriamente ambient. Va bene che siamo abituati al miscuglio di pezzi da fonti disparate. Ma costruire poco meno di 50 minuti di sonorizzazione che contenga lounge (Regato), funky (Four Reels Collide), raga-acid-step (Violent Bathroom Exchange), vocal IDM (Simple Loop Choir), 8bitness (No Lights Still Rock) e tanto altro è un gioco per gente dura. Un vocabolario postmoderno che insiste sul basso. La battuta di questo 2009 è scolpita sul breakbit che si fonde con l’hip-hop evoluto. E questo album ne è la consacrazione. L’illbient di Spooky e DJ Olive si connette con i ragazzini smanettoni del 92. Il risultato è un disco che apre nuovi orizzonti e che ci fa respirare aria fresca, rispettando l’eredità della blackness slowtempo. Un viaggio, un trip che ha in sè del profetico. Prefuse nuovo santone.

1 Aprile 2009
Leggi tutto
Precedente
Massimo Volume at Teatro di Budrio, 28 febbraio 2009 Massimo Volume at Teatro di Budrio, 28 febbraio 2009
Successivo
Depeche Mode – Sounds Of The Universe Depeche Mode – Sounds Of The Universe

album

Prefuse 73

Everything She Touched Turned Ampexian

artista

Altre notizie suggerite