Recensioni

6.4

Consapevoli di non poter replicare il capolavoro indietronico Melody A.M. e dell'aver scontentato non pochi fan con la virata '80 di The Understanding prima e di Junior poi, i due nordici che dettero origine alla norvegian invasion mediatica, ritornano parzialmente sui loro passi con l'escamotage del gemello adulto del sopracitato terzo lavoro.

Senior raccoglie una serie di tracce strumentali tra ambient, psichedelia e new age che servendosi di strutture pop, folk e narrative IDM cercano di raccontare storie, umori e sensazioni in note sintetico-ambientali su un sottofondo spacey ed esotico. Su tutte tornano preponderanti le lezioni di riferimento di sempre: Vangelis, Air e i migliori Orbital (The Drug).

E' chiaro che la scelta fortemente tastieristica e soundtracky della raccolta si poggia sulla scia delle krauterie cosmiche di Further dei fratelli chimici e di tutte le uscite sul genere del sottobosco mondiale. L'esperienza e il consueto buon artigianato elettroacustico (si ascoltino The Alcoholic e Forsaken Cowboy tra arpeggi di chitarra, cinguettii campionati e un main riff al sintetizzatore degno dei Boards Of Canada e gli archi sampled di Senior Living) tengono in piedi l'operazione con classe.

Il quarto lavoro dei Röyksopp è un lavoro pieno di mestiere che poco regala alla storia: peccato, le intuizioni sono ancora lì (molto buono il tocco Serge Gainsbourg tirato in ballo in Coming Home), più stilose che mai.

Voti
Amazon

Ti potrebbe interessare

Le più lette