• Nov
    01
    2010

Album

Goodfellas

Add to Flipboard Magazine.

Mirco Mariani è stato per anni multiforme batterista di Vinicio Capossela. Vederlo oggi a capo di un progetto in proprio, con tanti colleghi a schierarsi con lui per assetti che variano da traccia a traccia, è (ri)trovare un musicista prezioso perché animato dall'indole dell'artigiano che scopre e sperimenta. Immaginatevelo, dunque, questo artigiano dei suoni, ma rimasto chissà come su Saturno, da cui ci invia dodici cartoline in forma di canzone o strumentale brevilineo. Brani da cui scaturiscono i suoni impalpabili ma non inconsistenti di optigan, mellotron, celesta, cristallarmonio e delle ondes martenot dell'ospite Nadia Ratsimandresy (una sorta di fata di tale marchingenio). Brani tutti cesellati sull'impronta di una nostalgia diffusa eppure non sempre triste: come se anche là sul pianeta d'idrogeno ci fosse la possibilità di una vita, magari volatile e immaginifica come un fantasma, una fiammella spersa nello spazio, una bolla di sapone, però viva.

Parlare con Anna potrà ricordare a qualcuno il Capossela di Da solo e tutto sommato il riferimento non è fuorviante, tanto che lo stesso Vinicio canta in tre brani regalando a Luce una specie di disequilibro sull'intonazione che nel contesto è perfetto. Tuttavia qui le canzoni sembrano nate più al bagliore di una stella che di un camino, e c'è una surrealtà di fondo che riporta ai Mariposa (Enzo Cimino si occupa delle percussioni insieme a Diego Sapignoli degli Aidoru) sconfinando talvolta nello spirito giocoso di Pascal Comelade. Insomma: cose non nuove, ma pervase da un calore cosmico che, pur provenendo da lontano, riscalda e ci avvicina tutti.

20 Dicembre 2010
Leggi tutto
Precedente
Tim Kasher – The Game Of Monogamy Tim Kasher – The Game Of Monogamy
Successivo
Head Of Wantastiquet – Dead Seas Head Of Wantastiquet – Dead Seas

album

artista

Altre notizie suggerite