Recensioni

7

Dopo la migrazione a Berlino, Scuba sforna una compilation di drum’n’bass (ormai confermato come moda dell’anno), jungle (sì, proprio quella con le voci soul dei 4 Hero) e inevitabilmente ambientstep (il biglietto da visita di sempre).

Il viaggio – ancorato a ricordi rave ’90 – non si fossilizza sul past, bensì sul present perfect del pianeta step con Shackleton, Ramadanman e Joy Orbison, oltre agli inediti dello stesso Paul Rose (e qualche picciotto che si bacia le mani per essere stato inserito in questa selecta).

Grande gusto da notti berlinesi al Berghain ma ora è giunto il momento di dare un seguito a A Mutual Antipathy

Voti
Amazon

Ti potrebbe interessare

Le più lette