• Lug
    01
    2012

Album

Reprise

Add to Flipboard Magazine.

C'è stato un momento – fine 2001, inizio 2002 – in cui Serj Tankian sembrava poter diventare il nuovo messia del rock. Tutto funzionava perfettamente nella Toxicity dei System Of A Down: la critica lo accolse come il più credibile antidoto – simile nell'aspetto, ma benigno nella sostanza – all'epidemia MTV-nu metal, il pubblico acquistava una copia dietro l'altra e gli ingranaggi mediatici non conoscevano intoppi.

Quotazioni poi ribassate con la doppia mandata targata S.O.A.D. del 2005: Mezmerize e Hypnotize, piacevoli ma colpevoli di alcune pecche autocitazionistiche. Archiviato il progetto S.O.A.D. – ripreso recentemente solamente a livello live – Serj Tankian ha dato vita ad una carriera solista fino ad oggi dignitosa quanto assolutamente trascurabile.

L'amore per il rock sinfonico e per i musical – esplicato a più riprese – viene in parte abbandonato in Harakiri, album scritto – facendo anche uso dell'iPad – e prodotto da Serj stesso e registrato con l'aiuto della band di supporto The F.C.C.

Contornato dalle consuete tematiche a sfondo social-politico, Harakiri si sviluppa partendo da Cornucopia e il suo chorus funzionale, passando per i soliti fraseggi S.O.A.D. a dosaggio punk-metal sorretti dalla vocalità ormai prevedibile – ma pur sempre unica – di Serj (Figure It Out, Butterfly e Uneducated Democracy) e rock ballads (la titletrack). Evitabili l'oriental-hop di Ching Chime e il didatticismo elettronico di Deafening Silence.

A breve faranno seguito due dischi semi-strumentali, uno vicino al mondo della musica classica (Orca) e l'altro al mondo della musica jazz (Jazz-Iz-Christ), immagine di un artista comunque poliedrico che si spera abbia capito che quel momento di cui si parlava ad inizio recensione, non si ripeterà mai più.

10 Luglio 2012
Leggi tutto
Precedente
Joey Ramone – Ya Know Joey Ramone – Ya Know
Successivo
The Van Houtens – Flop! The Van Houtens – Flop!

album

artista

Altre notizie suggerite