• Mag
    01
    2012

Album

delusions of grandeur

Add to Flipboard Magazine.

Con il fiume di blog post, scatenato da Deadmau5, al qual ha risposto per ultimo A-Trak, che continua a fluire sullo stato dei live nell'EDM è difficile evitare reazioni imbarazzate. In parte perché quando la storia si ripete si ripete sempre come farsa, e fino all'altro ieri si pensava di aver risolto la questione della rivalità tra rock (e la sua forma live) ed elettronica con Come to Daddy e Kid-A. In parte perché per quanto centrale nel mainstream l'EDM resta un movimento marginale, nonostante il suo frastuono mediatico e le folle che accorrono ai fastival. L'elettronica, alla fine, è un movimento grassroots, dove le mosse decisive si compiono sempre dal basso. Anche i Daft Punk la loro vera rivoluzione non l'hanno fatta al Coachella con Alive ma quasi un decennio prima con le corrispettive Crydamoure e Roulé.

Haunted House of House dei Session Victim rappresenta, in un certo modo, la risposta opposta all'EDM. Il duo tedesco si colloca nel solco disco house, ma al contrario di tanti degli altri progetti di edits rifiuta qualsiasi elemento hipster, adolescente, cool, optando invece per il classicismo Made in Chicago. Quella del duo tedesco è una musica adulta, per locali high-end.

Pur essendo osannati dalla critica, i Session Victim sono ancora per lo più sconosciuti al pubblico, nonostante la loro presenza stia ormai diventando ubiqua nei dj set. Haunted House of House è la collezione di tre EP che raccolgono single usciti lungo quattro lunghi anni di gavetta. Così mentre Cow Place mi è capitata di sentirla per caso mentre ero al Sub Mercer, lounge sottaraneo al Mercer Hotel di Soho, Dark Sienna è rapidamente diventata una delle tracce preferite di molti dj, chiacchieratissima anche grazie al sample preso da Pearl di Sade. Ma la vera gemma è Good Intentions, che l'anno scorso è entrata a metà classifica nella top 50 di RA. La traccia con il suo funk ed un accattivante organetto ricorda un incrocio tra Do the Hustle di Van McCoy e Pop Corn di Gerhsom Kingsley.

Se Jack aveva un groove, questo è quel groove.

27 Luglio 2012
Leggi tutto
Precedente
Holograms – Holograms Holograms – Holograms
Successivo
P.O.D. – Murdered Love P.O.D. – Murdered Love

album

artista

Altre notizie suggerite