• Gen
    20
    2015

Album

Epitaph

Add to Flipboard Magazine.

Ex incendiari, The Sidekicks mostrano oggi una natura che oscilla tra post-punk molliccio e power pop inoffensivo. Provvisto di titolo evocativo e copertina con dettagli interlocutori, Runners In The Nerved World esclude ogni possibile connessione con il riottoso avvio di carriera della band statunitense. L’accordo con la Epitaph (etichetta discografica fondata da Brett Gurewitz dei Bad Religion) e la scelta di incidere a Seattle con il produttore Phill Ek (The Shins, Fleet Foxes) inducono a pensare, vanamente, a componimenti forgiati tra autenticità ed energia. I dodici brani dei Sidekicks, al contrario, scivolano via innocui tra fasi melodiche scialbe e ritmi in sordina.

Passato il quarto di secolo anagrafico, il cantante e band leader Steve Ciolek intuisce che è giunto il tempo di stilare un piccolo memoriale in musica, un manifesto che spiega diretto come una sassata o per mezzo di metafore, il bisogno di trovare un posto nel mondo. Anche se abusata, l’idea potrebbe risultare vincente, invece, non sembra sfruttata a dovere. I testi, ad esempio, trascurano vettori fondamentali quali l’urgenza indagatrice e l’enfasi. Si succedono luoghi, città e Stati lasciando solo un vago sentore del vissuto “on the road”. A tenere vivo il battito c’è quella Blissfield, MI che debutta con l’acceleratore premuto e gli strumenti già in quota. Gocce di adrenalina in una vena arida che accentuano un effetto down impietoso.

Il gruppo appare incapace di coinvolgere. Ciolek, non di rado, risulta monotono nel suo cantato mentre Climer guida una sezione ritmica che produce una linearità a tratti imbarazzante. Runners In The Nerved World offre quaranta minuti di suono convenzionale, da parte di una band che sembra appagata dal proprio letargo autolesionista. Nessuna zampata, nessun guizzo, nulla capace di lasciare il segno. Non questa volta. E’ l’essenziale a veicolare gli umori e a sigillare nelle pieghe del tempo l’incisivo impeto degli esordi. Ma questa metamorfosi a cosa porta? E a chi si rivolge la mutata musica dei Sidekicks?

18 Marzo 2015
Leggi tutto
Precedente
Liturgy – The Ark Work Liturgy – The Ark Work
Successivo
V – Five Years Of Artefacts – 1-5 V – Five Years Of Artefacts – 1-5

album

artista

Altre notizie suggerite