• Ago
    03
    2018

Album

Planet Mu Records

Add to Flipboard Magazine.

Entrambi residenti a Barcellona, Sinjin Hawke e Zora Jones si stanno rivelando come due artisti assolutamente centrali nello sviluppo della musica elettronica contemporanea: nonostante la giovane età, entrambi vantano già collaborazioni e attività tanto coraggiose quanto pregnanti. Insieme sono gli ideatori del portale multimediale e label indipendente Fractal Fantasy, mentre in solo la Jones ha prodotto una traccia lo scorso anno con la regina del footwork Jlin, e Sinjin Hawke (oltre ad aver partecipato alla RBMA del 2013 a New York) appariva addirittura nei credits del complesso e discusso The Life of Pablo di Kanye West.

Esperienze differenti che hanno portato i due producer a questo esordio collaborativo: nei trenta minuti scarsi di Vicious Circles, uscito ad inizio agosto per la lungimirante etichetta di Mike Paradinas, sono infatti riassunte le più recenti e interessanti tendenze soniche in ambito electro e digitale. Se la title-track, posta in apertura, si muove sui binari di memorie gabber filtrate tra distorsioni e attitudine hd, il singolo God prende spunto da un coro di voci bulgare, ma più che al paese dell’Est Europa rimanda alla colonna sonora dell’incubo organico e nucleare Akira, il capolavoro d’animazione firmato da Katsuhiro Ōtomo, mentre altrove si prendono le intuizioni ritmiche del footwork e le si estremizzano in un carnevale di beat spastici e frenetici (Lurk 101), o si elimina dal grime avanguardista della conclusiva And You Were One ogni legame con le radici giamaicane o caraibiche, portando dunque al limite le idee, sempre più centrali e preveggenti, del bravissimo Mr. Mitch.

Complice la sua brevità, Vicious Circles suona perfetto e fulminante: le idee non sono troppe, ma sono sviluppate con personalità e notevole sensibilità; eppure da Sinjin Hawke e Zora Jones sarebbe stato lecito aspettarsi un po’ più di spregiudicatezza (come dimostrato al Sonar 2018 con una performance a/v capace di colpire pressoché chiunque abbia avuto la fortuna di assistervi).

21 Agosto 2018
Leggi tutto
Precedente
Joey Dosik – Inside Voice Joey Dosik – Inside Voice
Successivo
Uniform – The Long Walk

album

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

artista

Altre notizie suggerite