• Set
    01
    2012

Album

100% Records

Add to Flipboard Magazine.

The Cranberries, Garbage, Alanis Morissette e ora Skunk Anansie… attendiamo giusto l'imminente album del comeback dei No Doubt e poi questo evitabile revival '90s del female pop-rock sarà completato.

Probabilmente anche come conseguenza del nostro tipico ritardo, noi Italiani siamo bravissimi a mantenere vivi fenomeni ormai passati: è successo – album solisti compresi – sia con i Cranberries sia che con gli Skunk Anansie. L'album del ritorno Wonderlustre – che ovviamente ha trovato l'unica ancora di salvataggio nel degradato mercato italiano – mostrava inevitabilmente i segni del tempo su di una band che, per quanto sempre abile, aveva sepellito qualsiasi eccesso e capacità di sorprendere.

Con Skin nuovamente capello-munita, gli Skunk Anansie tentano di sopravvivere con il quinto album Black Traffic, pubblicato con la partnership della 100% Records.

L'iniziale I Will Break You riscopre l'esplosiva energia rock degli esordi senza scendere a troppi compromessi (anche se tutto appare comunque molto controllato). Si rivela però un caso abbastanza isolato all'interno della tracklist: già dal banale ritornello della successiva Sad Sad Sad, prevalgono brani pseudo-rock dal chorus saltellante/wannabe-giovane come il singolo I Believed In You, Spit You Out – con tanto di intervento dei prescindibili Shaka Ponk – e la ripetitiva Drowning.

I ritmi rallentano nelle insipide I Hope You Get to Meet Your Hero (Gli archi iniziali riportano a Secretly, ma è solo un attimo) e Out Summer Kills The Sun. Il gioco funziona meglio quando i toni si fanno più epici come in This Is Not a Game.

Poco importa se sul finale Cass si ricorda di essere un buon bassista, Black Traffic è il compitino di una band che ha chiaramente terminato le idee e la capacità di scrivere belle canzoni. Non è sempre necessario realizzare un disco per andare in tour…

18 Settembre 2012
Leggi tutto
Precedente
Ricardo Villalobos – Dependant And Happy Ricardo Villalobos – Dependant And Happy
Successivo
Umberto Maria Giardini – La dieta dell’imperatrice Umberto Maria Giardini – La dieta dell’imperatrice

album

artista

Altre notizie suggerite