Recensioni

7.3

Ce lo ricordiamo bene, una decina di anni fa scarsi, il primo ascolto di questa formazione di cui si ignoravano, come nella migliore delle tradizioni underground, non solo i componenti ma anche la provenienza e le dinamiche tutte. Ce lo ricordiamo ancora, come una botta in faccia tanto inattesa quanto “rinfrescante”; quella sensazione che più si va avanti nel mondo della musica e meno si prova, assuefacendosi a una specie di aurea mediocritas che pian piano lascia spazio alla noia.

E invece loro due sembravano proprio avere delle cose da dire e anche sapere come dirle nella maniera più diretta; nel frattempo si cominciava a indagare, noi (di qua dal palco/stereo/tastiera), e a dar notizia di sé, loro (dietro il pc, sul palco, dentro il disco); e pian piano si scopriva qualcosa di più, che oltre lo scarno minimalismo riottoso e aggro-punk c’era della ciccia, ovvero una marea montante di roba che esulava ed esondava dalla mera questione musicale per divenire altro: working class, rivendicazioni, impegno, proletariato erano suoni e parole e ideali che tornavano al centro di un palcoscenico sempre più egotico e  autoreferenziale qual è (o quale pare essere) quello di questo scorcio di terzo millennio.

Oggi i due sono una piccola grande istituzione e hanno una carriera discografica di tutto rispetto che deve per forza di cose rinnovare non i temi e l’approccio (vedi alla voce Short Cummings “dedicata” al Dominic braccio destro di Boris Johnston: giro irrisolto di basso e invettive contro la dissociazione tra autorità e realtà circostante), quelli rimangono duri e puri, ma il suono, levigando e arrotondando le asperità della sempre povera strumentazione. Ecco così che l’approccio curioso notato a tratti nel precedente Eton Alive (All That Glue era una raccolta), album che dopotutto è entrato nella Top 10 inglese, sfocia in collaborazioni (Amy Taylor nell’ossessiva cantilena Nudge It, Billy Nomates, l’attivista Lisa McKenzie) e chitarre e una elettronica meno “aspra” e più duttile, così come in un “flow” (volutamente tra virgolette) più – ehm – cantato e addirittura meno “cockney” (no, dai non immaginatevi troppo eh).

Mork N Mindy è l’emblema di questo “nuovo corso”. Un pezzo che è così groovey & creepy che potrebbe realisticamente essere una hit da discoteca off per zombie alieni su un satellite terraformato nel 2087 ed è pure la prima collaborazione in assoluto per i due: protagonista un’altra riottosa e giovanissima qual è Billy Nomates che, parole di Williamson, l’ha realisticamente “trasformata” in quell’ipnosi a occhi aperti e pupille dilatate che è. Nello stesso modo agiscono quella specie di trip-hop autistico che è Out There, il glitchetto che tiene sottotraccia tutta Top Room o le amare parole sulle discriminazioni sociali affidate alla wave spastica della title track.

Insomma, è un po’ come vestirsi a nuovo o almeno provarci alla propria maniera, l’unica possibile, ma rimanendo sempre gli stessi, provocatori, riottosi, incazzati osservatori (tra i più lucidi) della realtà circostante vantando un “pedigree” che è fatto di integrità e rispetto guadagnato sul campo. Ovvero, chi tirerebbe su decine di migliaia di spettatori per un live in streaming sotto pandemia senza la credibilità che hanno gli Sleaford Mods?

Voti
Amazon

Ti potrebbe interessare

Le più lette