• ago
    14
    2012

Stoopid Records

Add to Flipboard Magazine.

Erano cinque anni che il gruppo di San Diego non pubblicava materiale nuovo (Slightly Not Stoned Enough To Eat Breakfast Yet Stoopid, del 2008, era infatti una raccolta di pezzi sparsi tra EP e altro). Nel frattempo hanno messo su famiglie, studio personale, ma hanno anche continuato a comporre.

Per accontentare i fan, dunque, svuotano i cassetti pubblicando un disco di 23 brani (ma non è una novità), che invece di uscire composito e stratificato come ci si poteva aspettare, risulta invece piuttosto omogeneo: abbandonate da tempo le incursioni nello ska (restano appunto Ska Diddy e una Underneath The Pressure che nel titolo rievoca i Selecter) e nel punk (e quindi le affinità con i Sublime di Bradley Nowell, che diede inizio alla loro carriera mettendoli sotto contratto per la sua Skunk Records), il gruppo mostra un transito ormai compiuto dai lidi Banda Bassotti di un tempo a quelli più rilassati degli UB40, attestandosi su un reggae né troppo pulito né troppo roots che fila liscio ed elegante tra le classiche guest (G Love, Angelo Moore dei Fishbone, Barrington Levy e Don Carlos dei Black Uhuru), qualche variazione sul tema in direzione di certo dub 90s (Devil’s Door) o ragamuffin (Drink ProfessionallyJust Thinking) e gli omaggi al canone di Marijuana.

Le poche variazioni in scaletta riguardano l’hip hop dell’iniziale title track (specie nella versione del video) e Mona June, che spostandosi di due passi di lato dal reggae  trova il soul (o il funk nel caso di Way You Move) ma ciò che spicca davvero, in una scaletta ben realizzata e qua e là efficace ma alla lunga vagamente monotona, è la bella cover di I’m on Fire del Boss, che per mantenere l’inquietudine sotto la suggestione sostituisce la batteria dell’originale con gli echi di un arpeggio di chitarra, prima che il disco si chiuda con Intro To Organics, anch’essa dalle parti del soul.

Anzi no: all’ultimo tuffo, 50 secondi finali di hardcore posti in coda al brano pagano un piccolo tributo al passato.

22 Dicembre 2012
Leggi tutto
Precedente
Burial – Truant | Rough Sleeper Burial – Truant | Rough Sleeper
Successivo
Ela Orleans – Tumult In Clouds Ela Orleans – Tumult In Clouds

album

artista

Altre notizie suggerite