• Mar
    01
    2005

Album

Young God

Add to Flipboard Magazine.

Più che parlare dell’ultima produzione di Michael Gira, sarebbe forse più interessante rimandare il lettore all’ottimo album di Akron/Family che qui cura gli arrangiamenti.

Copiosi sono gli indizi in questo The Angels Of Light Sing “Other People” che
evidenziano la calligrafia accattivante della travelling family e ne
stimolano l’ascolto, e questo accade specialmente nelle buone sezioni
d’archi che aprono la gioiosa solitudine di The Kid Is Always Breaking, e soprattutto per l’intaglio finissimo della trama di My Friend Thor (saliscendi
di arrangiamenti fantasma dentro e fuori da una foresta, cori dalle
chiare reminiscenze Wilson-iane), in quella fragrante di On The Mountain (banjo, chitarra al bottlenek e acustica in sublime sovrapposizione) e infine in quella country/magico-mistica di Dawn (che
a sorpresa si apre sul finale in una calda brezza di cori e crepuscoli
di violini). Diverse per ciascuno dei dodici brani, le soluzioni
d’arrangiamento rappresentano altrettante intuizioni soppesate con
gusto e grazia, che tengono conto delle storie, degli umori e degli
intrecci vocali di quel songwriter che avevamo lasciato in un limbo
cantautoral-amatoriale depresso e sdrucito.

Grazie
al collettivo, Mike Gira, alleggerito di dieci zavorre, ritrova la
forma in un folk-pop mai così orecchiabile, con il suo crooning a
mescolarsi persino a coretti di beatles-iana memoria sullo sfondo di
selci e grano. Sorprende dunque, sentirlo lievitare dopo tante
contorsioni all’inferno e in terra, eppure l’ex Swans non rinnega certo
il passato e la prevedibilità delle soluzioni canore adottate, da
leggersi come continuità con una storia e un percorso, sono un lampante
gioco di specchi che riporta a una medesima catarsi
musical-esistenziale.

A fronte di un paio di episodi veramente validi come My Friend Thor e Dawn e altrettanti un po’ abusati (Lena’s Song e Michael’s White Hands), The Angels Of Light Sing “Other People” non sarà ai livelli della produzione passata, ma sicuramente è un discreto album.

6 Marzo 2005
Leggi tutto
Precedente
The Beach Boys – Pet Sounds The Beach Boys – Pet Sounds
Successivo
Vitalic – Ok Cowboy Vitalic – Ok Cowboy

album

artista

Altre notizie suggerite