• Set
    01
    2009

Album

Moshi Moshi

Add to Flipboard Magazine.

Con un bootleg divino come The Drums EP già da un paio di mesi in giro per la rete, l’attesa per il vero debutto della band si è fatta spasmodica.  Summertime! il nuovo eppì è uscito negli USA per la Twenty Seven il 15 settembre, mentre la release europea (sotto Moshi Moshi) è prevista per ottobre. Nel frattempo, il 28 esce il superbo singolo Let’s Go Surfing contenuto in entrambe le uscite, nonché manifesto per eccellenza dei ragazzi. Il sound è tra i più ovvi, cesellato nel più istantaneo dei modi pop ma in 49 minuti complessivi ti polverizza il catalogo Labrador recente.

Per una volta NME e compagnia brit assortita c’hanno visto giusto: il coraggio di crederci in un sound abusatissimo ha ripagato: post punk milkshake Sarah Recs e la Factory sintetica più leggera. Tutto esaltante perché se proprio la Factory si fece sfuggire quella volta gli Smiths, da loro e dall’ugola del Moz (e certi Cure infantili virati surf) che si aggira il  fenomeno post-eighties del 2009.

E c’è un neo in tutta questa celebrazione ed è il pasticcio Summertime!, un punto inferiore al bootleg perché se nel dischetto non manca la giocosità sixties di Submarine, lo spy-surf singolone Let’s Go Surfing e il lentone Down By The Water all’appello non ci ritroviamo la Strokes-iana Me And The Moon, l’irresistibile otto bit di I’ll Never Drop My Sword e soprattutto lei, la super smithsiana I Felt Stupid che è roba per la quale i fan di Pete & The Pirates potrebbero vendere la madre. Ok, c’è Saddest Summer, Robert Smith in spiaggia a Malibù sotto anfetamina, ma non è la stessa cosa.

Per comodità e, in attesa del debutto lungo, daremo un voto complessivo al materiale a disposizione svelandovi pure che, nonostante l’ostentazione albionica, le due penne The Drums sono americane e tutto il materiale è nato in Florida sfondando poi nel giro di New York. Eppure questi ragazzi sono nati a Manchester. Proprio non li distingui dai classici inglesi tristi che sognano di surfare nell’oceano con sottobraccio le chitarre, la disperata allegria, il cuore pieno di nostalgia. Ancora una gemma dell’eppì unrealised Best Friend, 4 secondi di twee e il resto in giostra pop. Strike totale.

20 Settembre 2009
Leggi tutto
Precedente
Mary Anne Hobbs – Wild Angels Mary Anne Hobbs – Wild Angels
Successivo
Lord Newborn & The Magic Skulls – Lord Newborn & The Magic Skulls Lord Newborn & The Magic Skulls – Lord Newborn & The Magic Skulls

album

artista

Altre notizie suggerite