• mag
    18
    2015

Album

Marmo

Add to Flipboard Magazine.

Esiste una sorta di sottotesto, in questo 12” EP in vinile dei The Leftovers, che ha a che fare soprattutto con le mutazioni della parte ritmica, quest’ultima intesa come una sorta di materia molliccia e plasmabile a piacimento. Tanto che il disco pare un inseguimento in bilico tra musica concreta, un tribalismo africano con sbandate motorik, drum & bass sfibrata (Crocky) e singhiozzi ripetuti che alternano spazi liberi e rumori.

La band fa capo a Martino Marini e Niccolò Daniel Rufo (con l’ausilio di Gaia Polloni e Stefano Meucci) ed è una creatura stramba ma affascinante, al pari dei compagni di etichetta Tru West (in cui rientra Rufo), «lontana dalla mentalità da club e dal funzionalismo». L’album è una combinazione di improvvisazione (il lato Costumi) e brani scritti (il lato Usi), in cui un’Africa sciamanica e post-industriale (Usi e Costumi) viene a compromessi con un funk da Twilight Zone (Roswell Stomp), per poi dare il via sul lato B a un sabba balbettante e ossuto (Drop Ya Hat) e a una chiusura che sembra voler citare una versione più percussiva di certi scambi di Conrad Schnitzler (Ghostly Haze).

Disco surreale e fuori dal tempo, come molte delle produzioni Marmo Music, ma capace di intrigare con la sua originalità

12 agosto 2015
Leggi tutto
Precedente
Musical Zoo Festival 2015
Successivo
Ypsigrock 2015 Ypsigrock 2015

album

recensione

recensione

artista

artista

Altre notizie suggerite