• ott
    01
    2003

Album

DFA

Add to Flipboard Magazine.

Nel 2002 i Rapture accettano di pubblicare Olio riarrangiato in versione early house. È l’antefatto di un’abile tela del ragno tessuta da Goldsworthy e Murphy. Poi è la volta di House Of Jealous Lovers, l’asso nella manica, quel mito che, come in un tipico corso e ricorso del rock, fu in primis negato e poi approvato dalla band. Il manichino Rapture cambia vita per l’ennesima volta, ma ora l’appuntamento è con la storia. Perfetto trait d’union tra dance e punk, il 7’’ House Of Jealous Lovers (DFA / Output, 3 marzo 2002) è uno shock che sarà offuscato soltanto da Seven Nation Army dei White Stripes (marzo 2003). Roba potente, di quella che rende le prove seguenti dei piombi al cuore.

Dunque eccoci al long playing. Patrocinato dai DFA, tra timori e speranze, il fatidico lavoro esce in ottobre e ha tanti riflettori puntati quanti le penne avvelenate che lo attendono al varco. È il minimo che poteva capitare. Echoes è un frittomisto, ardito, plastico e prostituto come poteva esserlo un appiccicoso inno house, eppure ricco di spigoli e testosterone che ne fanno un piccolo grande fenomeno, futile ma fortemente conturbante. C’è dell’house chicagoana e del Madchester e ci sono pure delle ballate che non c’entrano nulla né con il passato né con la new wave; piuttosto è roba tragicomica, glam. La carne al fuoco è tanta e gli equilibri non prevedono il fine tuning. Olio remissata è scelta come apertura: adatta il vocalizzo di Robert Smith alle ritmiche di Chicago, infila mestizia nel ballo creando un effetto spiazzante ma funzionale. Poi si ritorna dalle parti della wave tout court con una Heaven per Gang Of Four in estasi declamatoria, in seguito il sussulto dance è tutto per Sister Savior, altro gioiello del dancefloor 70 e New Order, mentre I Need Your Love innesta extrasistole improv-jazz. Il falsetto di Open Up Your Heart s’aggrappa addirittura al tema ritmico della bowieana Five Years, e il lento melanconico Infatuation chiude l’album con un altro fuori programma in punta di piedi.

2 Ottobre 2003
Leggi tutto
Precedente
Belle And Sebastian – Dear Catastrophe Waitress Belle And Sebastian – Dear Catastrophe Waitress
Successivo
Dirty Projectors – The Glad Fact Dirty Projectors – The Glad Fact

album

artista

Altre notizie suggerite