• Mar
    01
    2011

Album

Lektroluv

Add to Flipboard Magazine.

Ricondurre la trance a forme d'ascolto casalinghe (o comunque da cuffia) è un'operazione che non viene azzardata di frequente. E' lo stile che non si presta, in quanto fatto per stordire le membra e agitare i corpi, solitamente in piste caldissime con livelli di decibel ampiamente fuori soglia. Tutto questo è noto a signori come Armin Van Buuren, Paul Van Dyk e Tiësto (tanto per scorrere i frequentatori abituali dell'alta classifica Dj Mag), che infatti si preoccupano sempre di mantenerne la fedeltà al club notturno, tenendola invece ben lontana quando si tratta di cavalcare le classifiche insieme alle varie Sophie Ellis-Bextor e Nelly Furtado.

I Subs, capaci in passato di hit come Kiss My Trance e Music Is The New Religion, non hanno bisogno lezioni di energia trance. E certi brani di questo sophomore Decontrol (il singolo The Face Of The Planet, ma anche The Hype o Dry Lemon) confermano in buona parte le capacità del trio belga. Loro però puristi non lo sono affatto, e han sempre giocato con ibridazioni crossover volte a spingere il genere verso forme estranee: il risultato oggi non è efficace quanto l'esordio Subculture, e dispiace scoprirli nella veste meno 'cattiva' e più fedele alla house di The Visible Man e Don't Stop, o addirittura in escursioni electro con Hannibal And The Battle Of Zama. Le soluzioni accattivanti sono ancora alla loro portata (i giri di bleep di Itch), ma la freschezza sembra oggi cedere il passo al mestiere (troppo statiche Hairdo e Lemonade). L'azzardo era già riuscito col primo album, e il bis non è arrivato: che sia meglio tornare al sicuro dietro la console?

16 Maggio 2011
Leggi tutto
Precedente
The Wave Pictures – Beer In The Breakers The Wave Pictures – Beer In The Breakers
Successivo
Murcof – La Sangre Iluminada Murcof – La Sangre Iluminada

album

artista

Altre notizie suggerite