• Gen
    01
    2012

Album

Forears

Add to Flipboard Magazine.

Si sono dati un gran da fare i The Villains in questi tre anni dall'esordio. Metabolizzata la sindrome da eterni secondi ai concorsi per band emergenti e le critiche indirizzate ai gruppi italiani che cantano in inglese, il gruppo modenese, forte di numerosi live e fortunati incontri discografici, inizia a raccogliere i primi frutti: la pubblicazione dell'EP Here Comes The Villain per l'etichetta Forears e l'imminente collaborazione della cantante Georgia Minnelli con i Giardini di Mirò.

Il batterista Riccardo Cocetti descrive i The Villains come una miscellanea di influenze, dal jazz, alla new wave, al folk, coronata da una base comune di ascolti indie rock, grunge e hard rock anni settanta e da un'indole punkeggiante condivisa. Se la sintesi è stata trovata inizialmente in una composizione di ispirazione indie britannica come nel singolo Fire In The Ballroom che anticipava l'EP, Here Comes The Villain esprime anche le anime più scure del gruppo: dal blues morriconiano della title track, alle reminiscenze punk di The Game Of Catching Sand, al noise rock di The Graduate. Un disco che trae diverse ispirazioni, quindi, ma che cerca nel contempo una sua compattezza, almeno a livello suggestivo, nella rappresentazione quasi cinematografica dell'eterno scontro tra le forze del bene e del male. 

Fashion victim di un'estetica decadente e dandy ma animati da ruvidi furori da mettere in mostra soprattutto in dimensione live, i The Villains cercano una loro direzione e compagni di viaggio per emergere dall'underground e veicolare un rock alternativo di qualità. Le armi a disposizione, al momento, sono il potente cantato di Georgia e un'apprezzabile agilità compositiva che, attingendo a linguaggi ben noti e sonorità non sempre originali, permette al gruppo di sfornare melodie riconoscibili e orecchiabili. Una produzione curata unita all'intraprendenza del gruppo potrebbero spedire questi “cattivi” nel paradiso del mainstream.

28 Marzo 2012
Leggi tutto
Precedente
White Hills – Frying On This Rock White Hills – Frying On This Rock
Successivo
Zammuto – Zammuto Zammuto – Zammuto

album

artista

Altre notizie suggerite