• Nov
    01
    2012

Album

Software

Add to Flipboard Magazine.

Dopo essersi conquistato un posto di rilievo nelle cronache musicali di questi anni, Daniel Lopatin (Oneohtrix Point Never) passa in qualche modo alla fase due della sua carriera. Insieme a C. Spencer Yeah (Burning Star Core) si fa curatore di una serie di lavori tra free-jazz e musica elettronica, intitolata SSTUDIOS, sulla nuova label messa in piedi da Lopatin stesso assieme a Joel Ford legata a Mexican Summer, Software, di cui il qui presente Instrumental Tourist, altro non è che il primo capitolo. Un tipo di collaborazione a cui non è nuovo se ci si ricorda anche di Channel Pressure, lavoro a quattro mani sempre con Ford e dello split con Rene Hell di qualche mese fa.

Stavolta però, c’è più interesse del solito, visto che a collaborare alla stesura dei brani è stato chiamato Tim Hecker reduce dalle vette di Ravedeath, 1972 e nome di assoluto prestigio nel settore dell’ambient più lirica e creativa. Va subito chiarito, che come nella maggior parte delle collaborazioni di questo tipo, la somma delle parti non è superiore ai singoli elementi. L’iniziale Uptown Psychedelia chiarisce quanto l’intervento del canadese sia preponderante nella struttura del disco. Le maggioranza delle soluzioni sonore sono sue. Il droning effettato e rumoroso che trascende nel riverbero liturgico di Scene From A French Zoo è lo stesso di Radio Amor, Ultraviolet e Ravedeath. La mano di Lopatin si avverte più sulla cornice, che sulla tela. Tutto il lavoro di distruzione e ricostruzione di Intrusions, e il remastering di Whole Earth Tascam che replicano le trovate di Replica, per l’appunto. Gli spunti più interessanti del disco però arrivano tutti da Hecker: il fatalismo triste di Racist Drone, la trascendenza di Grey Geisha, il lirismo solenne di Vaccination No. 2.

Lopatin c’è e il suo trademark si sente, ma la sua sta rapidamente diventando una maniera la cui trovate non hanno più molto ossigeno, proprio mentre viene superato a destra e sinistra dagli epigoni della prima ora, ovvero i vari Motion Sickness, Ricardo Donoso, Le Révélateur, Rene Hell, Ghostrider tutta gente che dopo aver ascoltato Russian Mind e Zones Without People, ha evidentemente visto la luce.

3 Novembre 2012
Leggi tutto
Precedente
Velvet Underground – The Velvet Underground & Nico 45th Anniversary Velvet Underground – The Velvet Underground & Nico 45th Anniversary
Successivo
Anthony Phillips – Seventh Heaven Anthony Phillips – Seventh Heaven

album

artista

artista

Altre notizie suggerite