• Gen
    21
    2014

Album

Tin Angel Records

Add to Flipboard Magazine.

Sono passati ben cinque anni da quel Posthumos Success del 2009 che non ci aveva convinti del tutto. Se lì si cercava di aggiornare il verbo folk minimale propagandato fin dagli esordi da Tom Brosseau – uno che alla filosofia del menestrello girovago con la chitarra a tracolla crede ancora, bontà sua – con arrangiamenti elaborati, in Grass Punks si fa esattamente il discorso inverso. Non fosse per la pulizia del suono, il disco potrebbe sembrare un lascito del post-war folk più ancestrale, piuttosto che un lavoro del 2014, tanto il materiale raccolto nelle dieci tracce è essenziale: un paio di chitarre acustiche e la voce, per giunta registrate in una casa vicino a Hollywood con tecniche di ripresa (si presume) essenziali pure quelle.

E’ in questa veste che Brosseau rende di più. Quando, cioè, tutta l’attenzione si concentra sulle cadenze suadenti del cantato e su quel fingerpicking che regge il discorso grazie a una struttura solida e articolata. Se dischi come Cavalier e soprattutto Empty Houses Are Lonely avevano già fatto intendere quale fosse la dimensione privilegiata del musicista del Nord Dakota, Grass Punks lo ribadisce: Brosseau è tipo da riverberi contenuti, timbri ben definiti, zero arzigogoli. Today Is A Bright New Day, in questo senso, è forse la cartina di tornasole perfetta per la parte più “folk-pop” del suono, con le sue armonie vagamente Simon & Garfunkel; Love High John The Conqueror, invece, è il corrispettivo bluesy, l’altro caposaldo dell’album, ma anche dello stile del musicista. 

Nonostante l’ormai lunga storia discografica, il Nostro riesce ancora a conquistarci senza usare trucchi maldestri ma solo affidandosi alla scrittura. Una scrittura raffinata, elegante, seppur con poche sorprese: è forse questo l’unico difetto di uno stile impeccabile ma che non può vantare, per ovvie ragioni, il background di vissuto – e indirettamente, quindi, il mood e la pregnanza emotiva del suono – di quel post-war folk che citavamo in apertura.  

1 Febbraio 2014
Leggi tutto
Precedente
Alcest – Shelter Alcest – Shelter
Successivo
L.I.E.S. – Music for Shut-Ins / Ron Morelli – Backpages L.I.E.S. – Music for Shut-Ins / Ron Morelli – Backpages

album

recensione

recensione

recensione

artista

Altre notizie suggerite