• Set
    01
    2012

Album
TOY
TOY

Heavenly

Add to Flipboard Magazine.

Negli ultimi mesi non sono di certo passati inosservati gli inglesi TOY, capslockato anche per evitare omonimie con il progetto elettronico mid-00s Toy.

Con Londra come centro operativo, Tom Dougall – fratello di Rose Elinor delle Pipettes – e compagni arrivano all’omonimo album d’esordio in uscita per la Heavenly Records, dopo la partecipazione ad alcuni festival e la tournée di spalla agli Horrors.

Caso vuole che quello dei The Horrors – almeno gli ultimi lavori – sia anche il primo nome che viene in mente ascoltando i brani del disco dei TOY: oscurità post-punk con fortissime diramazioni kraute ad alto contenuto psichedelico.

Troppo facile etichettarli come degli Horrors in versione bionda-castana e maggiormente into ’70s, i TOY infatti dimostrano già di saper creare i loro paesaggi lisergici con personalità da vendere tra tappeti di chitarre, Korg Delta in primo piano, drumming settato su partiture motorik e la sbilenca (simil-stonature alla Faris Badwan comprese) voce di Tom a disegnare melodie sfuggenti.

Complessivamente si ascolta più che bene e si rivela essere un lungo trip lisergico, ma sono soprattutto alcuni piccoli passaggi a regalare emozioni: le parti strumentali dell’iniziale Colour Running Out con apice aritmico al minuto 2:46, l’apertura iper-kraut della conclusiva Kopte, il ritornello contagioso, quasi pop, di Lose My Way, le acidità cosmiche di Drifting Deeper e le key-tabs orechestrali di Reason Why e My Heart Skips a Beat.

I TOY sanno benissimo come farsi largo all’interno del panorama hyped – dosi di poseraggio comprese – ma finchè realizzaranno album solidi ed ispirati come questo, non possiamo che essere dalla loro parte.

23 Agosto 2012
Leggi tutto
Precedente
Holy Other – Held Holy Other – Held
Successivo
Lucifer Big Band – Atto I Lucifer Big Band – Atto I

album

artista

Altre notizie suggerite